Siti Web > Notizie di Marketing e comunicazione

Consulta le nostre news di tecnologia ed informatica online !

addio a Peter Green lo strepitoso chitarrista che ha fondato i Fleetwood Mac


Lo strepitoso chitarrista che ha fondato i Fleetwood Mac è volato nell’altra dimensione.

Sabato a mezzanotte, appena iniziata la diretta dell’ultimo Let’s Spend Saturday Night Together dove volevo salutare i tanti che mi seguono prima delle vacanze, qualcuno mi ha scritto un post dove mi informava della morte di Peter Green.

Noooooo.

Peter è uno dei miei chitarristi preferiti in assoluto. I
dischi che ha fatto con i suoi Fleetwood Mac sono strepitosi. Sto parlando di
quelli degli anni ’60, che nulla hanno a che vedere con il boom che la band
ebbe nella decade successiva, a partire dall’enorme successo di “Rumors”.

In quel periodo, in cui i suoi vecchi compagni della band si
godevano il primo posto in tutte le classifiche mondiali, Peter Green era
sparito dai radar, tanto che in molti lo hanno paragonato a Syd Barrett dei
Pink Floyd, i due geni che hanno fatto il grande rifiuto e se ne sono andati.

Ho conosciuto i Fleetwood Mac grazie a una recensione di Carlo Basile sul mensile (che mensile non era perché usciva ogni tanto) OFF-SIDE. Lo avevo iniziato a comprare per i fumetti di Bonvi e avevo scoperto le recensioni di Carlo Basile, in una delle quali esaltava l’album “Then Play On” del Fleetwood Mac, e aveva ragione. Così sono andato a comprarmi tutti i loro dischi precedenti, compreso “A Hard Road” di John Mayall, dove tra i suoi Bluesbreakers c’era appunto Peter Green, che aveva sostituito Eric Clapton che se ne era andato per formare i Cream.

Nei Fleetwod Mac la chitarra di Peter Green, che cantava
anche, ha dipinto capolavori come: “Black Magic Woman”, “Oh Well”, “Albatross”,
“Need your love so bad” per non parlare di tutto l’album “Then play on”.

Poi, all’improvviso, Peter ha abbandonato il gruppo e pubblicato un album solista che alcuni definiscono il disco più strano e avveniristico di quel periodo a cavallo tra due decadi: “The End Of The Game”. Suoni psichedelici, jazz, con una chitarra mai sentita piangere o graffiare così, svincolata da ogni regola fin qui scritta sul pentagramma del rock. L’album si concludeva con un rumore sordo, come di puntina del giradischi che viene colpita e graffia violentemente i solchi. Questo rumore fastidioso arrivava dopo una serie di note dolcissime della chitarra. Ed era la fine del gioco. Peter Green è sparito per almeno 9 anni. Le leggende raccontavano che fosse andato a lavorare in un ospedale psichiatrico, dove poi era stato ricoverato. Dicevano anche rifiutasse i soldi delle royalties che gli arrivavano dai tanti brani che aveva composto e dai dischi che si vendevano moltissimo. Sicuramente l’abuso di LSD aveva influito in questa suo stato mentale.

Improvvisamente è tornato nel 1979 con un album “In The Skies”, che immediatamente comprai e ascoltai eccitatissimo. Un buon disco di blues delicato, ma il Peter Green che conoscevo e amavo alla follia non c’era più. La conferma la ebbi quando andai a vederlo dal vivo e lo intervistai. Ero curiosissimo di sapere tutto, perché “The End Of The Game”, perché aveva abbandonato tutto… Lui mi guardò con dolcezza e rispose:

“Non so. Non ricordo, è passato tanto tempo”

Alcuni anni fa dedicai un lungo Needle a Peter Green e ai suoi Fleetwod Mac, dove ne raccontai la storia attraverso vinili e video. Ecco quel Needle Story:

La storia di “The End Of The Game” mi ha affascinato tanto che l’ho raccontata spesso e coinvolsi anche mio fratellino Fabio nel fascino di questo disco e della vicenda di Peter Green.

Due anni fa sono andato a trovare Fabio all’ospedale, prima
di partire per il Fiat Music di Bari. Stava molto male e aveva perso tutta la
sua determinazione nel reagire. Mentre faticosamente si metteva in ginocchio
sul letto mi ha guardato e ha detto:

“The end of the game”

Ho capito che sapeva di essere arrivato alla fine del gioco e con quella frase che potevo capire solo io mi ha salutato.

Ero a Bari tre giorni dopo quando ho ricevuto la notizia che
era volato nell’altra dimensione.

Ciao Fabio e adesso ciao Peter.

www.redronnie.tv





Fonte: http://www.optimaitalia.com/

Realizzazione, creazione, sviluppo siti web ed assistenza informatica Napoli


Realizzazione siti web ed assistenza informatica Napoli


Cartomanzia basso costo


Fabbro idraulico elettricista – Bologna, Ferrara, Parma, Modena


Assistenza caldaie Firenze

Fiorai Napoli, Fioristi Napoli, Fiori Napoli, Fioraio Napoli

Aste Online, Aste al centesimo Online, Aste al ribasso gratuite, Aste online Iphone

cartomanti al telefono

Cartomanzia Divina

Tarocchi decani

Casa dei cartomanti

Astrocartomanti

Studio sibille cartomanzia

Pronto intervento Fabbro, Modena, Bologna, Ferrara

Pronto intervento elettricista, Modena, Bologna, Ferrara

Pronto Intervento idraulico, Bologna, Modena, Ferrara

Incantesimi e legamenti d’amore

Sitiwebs

Sviluppare siti internet

Websolutions

Cartomanti Roma

Cartomanti Napoli

Tarocchi amore futuro immediato relazione

Tarocchi del destino per single e della vita

Lettura tarocchi dell’amore

Studio Sibille Cartomanzia

Cartomanti Sibille

Consulti di cartomanzia

Cartomanzia Promozionale

Cartomanti Sensitive al telefono

Cartomanti Europei

Magia Rossa

Magia Bianca

Magia Nera

Sito web vetrina

Sito web per ristoranti

Realizzazione sito web e-commerce

Software aste al centesimo

Cartomanti al telefono

Tarocchi della zingara

Cartomanzia al telefono

www.falegnamenapoli.altervista.org

Rate this post
Updated: 27 Luglio 2020 — 11:21
Siti Web > Notizie di Marketing e comunicazione © 2018 Realizzazione, creazione, sviluppo, progettazione siti web-internet