Siti Web > Notizie di Marketing e comunicazione

Consulta le nostre news di tecnologia ed informatica online !

AGCOM, maxi multa da 2 milioni di euro a Vodafone, TIM e Wind 3: ”Non possono cambiare i contratti da soli”


Maxi multa da parte di AGCOM nei cofronti di TIM, Vodafone e Wind 3 per la questione dei costi di ripresa in caso di credito esaurito. Secondo l’autorità per le comunicazioni, la modifica contrattuale realizzata senza avere alcun seguito da parte degli utenti non può mai essere eseguita e questo in contrasto con la normativa di settore.

Nello specifico quello che si legge nella Delibera per i tre operatori è più che mai chiaro: “Violazione della normativa di settore in merito all’introduzione di una modalità che consente la prosecuzione del traffico anche in caso di esaurimento del credito residuo e alla variazione delle condizioni economiche di offerte di telefonia mobile che comprendevano il servizio internet illimitato a 128 Kb gratuito una volta esaurito il bundle dati disponibile”. La violazione è stata deliberata con una sanzione individuale di ben 696 mila euro ad operatore.

AGCOM: ecco il motivo della sanzione che difende i cittadini

La pratica messa in atto dai tre operatori risulta piuttosto semplice: nel momento in cui l’utente con un contratto prepagato esaurisce il proprio credito e non effettua nell’immediato una ricarica capace a rinnovare l’offerta, l’operatore, non blocca il traffico in uscita ma permette l’erogazione addebitando un costo aggiuntivo ai clienti anche in assenza di una volontà espressa da parte loro che dunque, involontariamente e inconsapevolmente, usufruiscono di questo pacchetto. Il costo viene poi addebitato successivamente nella successiva ricarica.

Tutto questo va a scontrarsi con il semplice “jus variandi” (art. 70, comma 4 del Codice delle comunicazioni elettroniche) per il quale non si necessita di una accettazione dell’utente essendo sufficiente la garanzia di un diritto di recesso dal contratto senza costi.

In questo caso, come dichiarato direttamente dall’AGCOM: “[…] gli operatori non si sono limitati, infatti, a modificare le originarie condizioni del contratto prepagato sottoscritto, ma vi hanno inserito un quid novi che, in quanto tale, doveva essere accettato dagli utenti. La condotta menzionata è risultata inoltre in contrasto con quanto previsto dalla delibera n. 326/10/Cons, che obbliga gli operatori a far cessare immediatamente la connessione dati nel caso in cui il credito disponibile sia completamente esaurito e a riattivarla soltanto dopo aver ricevuto un’espressa manifestazione di volontà da parte dei clienti“.

Non solo perché l’AGCOM ha anche accertato una ulteriore violazione da parte degli operatori riguardante l’obbligo sulla trasparenza delle informative nel caso di variazioni delle condizione economiche di offerte di rete mobile. Agcom aveva stabilito che la variazione può riguardare soltanto i servizi già presenti nei contratti e non è possibile aggiungerne altri. In tal caso, con l’esistenza del diritto alla variazione, gli operatori possono cambiare un contratto a loro piacimento e attivare qualsiasi servizio senza il consenso dei clienti, lasciando loro soltanto la possibilità di disdetta gratuita. “Tale prassi portava gli utenti a spendere inconsapevolmente soldi per chiamate o traffico internet, anche in caso di esaurimento del credito, a causa di modifiche unilaterali dei contratti che, come al solito, vanno a discapito dei consumatori”, ha dichiarato il presidente Carlo Rienzi.

AGCOM: un danno per tutti gli utenti

Seppure il servizio di “prosecuzione” del traffico anche senza il credito sufficiente per il rinnovo dell’offerta potrebbe risultare utile e in qualche modo comodo agli utenti, di fatto risulta quanto mai redditizio per gli operatori secondo l’AGCOM. Capita infatti facilmente che gli utenti con un rinnovo ogni 30 giorni potessero dimenticarsi la scadenza e qui gli operatori erano pronti a far scattare quella che molti hanno denominato la “tassa del ritardo”.



Fonte: https://feeds.hwupgrade.it

Rate this post
Updated: 23 Gennaio 2020 — 11:09
Siti Web > Notizie di Marketing e comunicazione © 2018 Realizzazione, creazione, sviluppo, progettazione siti web-internet