Siti Web > Notizie di Marketing e comunicazione

Consulta le nostre news di tecnologia ed informatica online !

Alexa, Google Assistant e Siri: basta un laser per ingannarli


Gli assistenti vocali Alexa, Google Assistant e Siri possono essere vulnerabili ad attacchi che prevedono l’uso di laser per impartire comandi silenziosi e spesso anche invisibili per compiere azioni indesiderate, come ad esempio sbloccare porte, visitare siti web, localizzare e avviare veicoli e via discorrendo. Indirizzando un fascio di luce laser a bassa potenza verso i dispositivi equipaggiati con sistemi di assistenza vocale i ricercatori che hanno scoperto la falla sono stati capaci di impartire comandi fino ad una distanza di 110 metri.

I sistemi a controllo vocale non richiedono, di norma, che l’utente effettui un’autenticazione per impartire ciascun comando, e ci permette all’attacco di essere portato a termine senza la necessit di conoscere una password o un PIN. Considerando quindi la distanza e il tipo di tecnica, si tratta di attacchi che possono essere condotti con successo anche tra edifici diversi o al di fuori dell’edificio della vittima, se il dispositivo a controllo vocale collocato vicino ad una finestra.


Questo tipo di attacco sfrutta una vulnerabilit prsenti nei micorfoni che usano componenti MEMS (micro-electro-echanical systems): questi componenti possono rispondere alla radiazione elettromagnetica luminosa scambiandola per un’onda acustica. I ricercatori hanno effettuato le loro prove su Siri, Alexa, Google Assistant, Facebook Portal e su un numero limitato di smartphone e tablet, ma ci sono sufficienti elementi per credere che il problema possa ragionevolmente interessare tutti i dispositivi che usano microfoni MEMS.

L’attacco, denominato Light Command, ha comunque una serie di limitazioni. Anzitutto, come si sar intuito, l’attaccante deve avere un “tiro pulito” verso il dispositivo bersaglio: questo dev’essere cio in portata ottica. E in molti casi il fascio laser deve essere indirizzato in un punto preciso del microfono. E a meno di usare laser al di fuori dello spettro del visibile, la luce potrebbe essere facilmente individuabile da qualcuno che sia nelle vicinanze del dispositivo bersaglio. Infine non bisogna dimenticare che tutti questi sistemi di assistenza vocale rispondono sempre con un feedback acustico (che sia una frase o anche un semplice suono) quando hanno ricevuto un comando da eseguire.


Ma al di l di queste limitazioni, la tecnica individuata dai ricercatori comunque significativa poich, oltre a rappresentare un nuovo tipo di minaccia, effettivamente replicabile in situazioni reali. Nonostante tutto i ricercatori ammettono di non aver pienamente compreso il motivo scientifico per cui questa tecnica si dimostrata funzionante. Una miglior compresnione del fenomeno potrebbe quindi portare ad attacchi ancor pi efficaci.

“I sistemi di controllo vocale spesso non dispongono di sistemi di autenticazione dell’utente o, quando presenti, non sono implementati in maniera corretta. Abbiamo mostrato come un attaccante potrebbe usare comandi impartiti tramite un fascio luminoso per effettuare azioni come sbloccare la porta d’ingresso, aprire la serranda del garage, effettuare acquisti online e localizzare e avviare veicoli se questi sono collegati all’account Google della vittima“.


I ricercatori hanno descritto nella loro pubblicazione diversi modi di eseguire l’attacco, con vari tipi di strumentazione. Un primo setup prevede un semplice puntatore laser, un driver laser e un amplificatore audio, e opzionalmente un’ottica tele per concentrare il laser per gli attacchi su lungo raggio. Il driver laser strumentazione di laboratorio, il che richiede comunque dimestichezza nell’uso e nella configurazione del dispositivo. Un altro genere di setup ha visto l’uso di un laser infrarosso, quindi non visibile all’occhio. Una terza configurazione ha coinvolto invece un laser al fosforo per eliminare la necessit di indirizzare il fascio luminoso su un punto preciso del microfono MEMS.


In uno dei vari tentativi i ricercatori sono riusciti a portare a compimento un attacco alla distanza di circa 70 metri e attraverso una finestra di vetro, mentre in un’altra prova stata usata l’ottica tele per concentrare il laser e attaccare un dispositivo posto ad una distanza di circa 110 metri: si trattato della massima distanza possibile nell’ambiente di test a disposizione dei ricercatori, il che lascia aperta la possibilit di condurre attacchi del genere a distanze ancor maggiori.



Fonte: https://feeds.hwupgrade.it

Rate this post
Updated: 5 Novembre 2019 — 20:24
Siti Web > Notizie di Marketing e comunicazione © 2018 Realizzazione, creazione, sviluppo, progettazione siti web-internet