Siti Web > Notizie di Marketing e comunicazione

Consulta le nostre news di tecnologia ed informatica online !

Alitalia vola alto nel multicloud


Efficienza e customer satisfaction sono al centro della nuova infrastruttura tecnologia realizzata Roberto Tundo, Chief Information & Technology Officer di Alitalia con Ibm. Le nuove declinazioni multicloud e hybrid, sostengono i ricavi, la puntualità e la sicurezza informatica di Alitalia.

«Ogni progetto di innovazione aziendale – spiega Roberto Tundo – assume la valenza di un viaggio composto da tappe. È quello che abbiamo fatto in Alitalia traguardando, step by step, progressi significativi per noi e per i nostri clienti».

Un sistema informativo full hybrid multicloud

Poco più di due anni fa, ricorda Tundo, «siamo partiti da un sistema informativo che non era adeguato alla sfida competitiva che Alitalia deve affrontare nel quotidiano in un contesto in cui i competitor sonp aggressivi ed agili. Grazie a una tecnologia che corre veloce e attraverso una scelta di partner professionali di primo livello, affidabili e flessibili come Ibm, abbiamo compiuto un vero e proprio salto generazionale operando oggi con un sistema informativo di tipo full hybrid multicloud».

Tra i più importanti risultati abilitati da questa modernizzazione dell’infrastruttura tecnologica prosegue Tundo «occorre citare la regolarità e la puntualità con cui Alitalia vola in Italia, in Europa e nel mondo. Oggi Alitalia è stabilmente tra le prime posizioni in Europa sia per puntualità sia per regolarità dei voli operati, un risultato di grandissimo valore conquistato con la dedizione di tutti coloro che vi lavorano e con investimenti di importanza strategica. A ottobre, nella classifica della puntualità stilata dalla società indipendente FlightStats, Alitalia si è posizionata al secondo posto fra i principali vettori europei con l’84,7%, preceduta solo da KLM (88,3%) ed ottenendo giudizi di Eccellente, Molto Buono da quasi il 70% dei clienti».

Oggi, specifica ancora Tundo, Alitalia può operare il ricalcolo dell’operativo voli e l’ottimizzazione degli aeromobili ed equipaggi in tempo reale, a fronte di disruption dovute ad eventi avversi causati da meteo o contesto operativo. «Senza il supporto delle tecnologie più avanzate e la lettura veloce ed efficiente dei dati disponibili, questo risultato non sarebbe stato possibile. Anche l’estensione delle rotte a fronte di una sostanziale invarianza del numero di aeromobili wide-body di lungo raggio, costituisce un risultato sostenuto dalle innovazioni adottate in tutti i settori».

Digital journey in sicurezza

Di pari passo, ha avuto una decisa evoluzione la customer experience con un aumento considerevole dell’uso degli strumenti online: riferendoci ai primi sei mesi del 2018, i ricavi digitali di Alitalia hanno visto un incremento del 20% circa rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente con un parallelo incremento a doppia cifra delle visite al sito Alitalia.com ed un utilizzo dei canali digitali per il check-in che ha superato in media il 60%, con punte del 70% in ambito domestico grazie anche all’estensione della finestra temporale per effettuare l’accettazione on-line da 24 a 48 ore prima della partenza.

La nuova architettura del sistema informativo oggi supporta anche i processi che governano l’accoglienza ed il catering a bordo, migliorati ad un punto tale che la rivista internazionale “Food and Travel” ha assegnato ad Alitalia il riconoscimento di “Miglior compagnia aerea 2018”.

Il digital journey, racconta Tundo, è stato meditato punto per punto: «I primi passi oramai più di due anni fa, sono stati dedicati alla messa in sicurezza dei dati aziendali: è stato avviato un percorso di virtualizzazione delle infrastrutture, sino a quel momento largamente assente, trasferito l’intero sistema informativo presso il Data Center di Ibm a Milano e, infine, reso operativo un servizio di Disaster Recovery in precedenza non presente».

Contestualmente si è arricchita la dotazione degli strumenti presenti nella cassetta degli attrezzi dell’ICT aziendale con l’adozione di soluzioni IaaS, SaaS, PaaS, sia in modalità cloud pubblico che privato, «per trasformare parallelamente il modello di lavoro verso una modalità che potesse rendere l’ICT un vero abilitatore digitale di Business. Una particolare attenzione è stata posta allo sviluppo, ex novo, di un programma di cybersecurity che tenesse conto non solo della necessità primaria difendere i dati aziendali e quelli dei Clienti, che ad Alitalia affidano propri dati sensibili, da forme e metodi di attacco sempre più articolati ed agguerriti, ma anche delle esigenze e parallele opportunità introdotte dal nuovo assetto del sistema informativo di Alitalia oggi costituito da servizi e piattaforme fisicamente presenti in varie parti del mondo. Oggi, a distanza di poco più di due anni dal quel momento, il sistema informativo di Alitalia è, in sintesi, un Full Hybrid Multicloud: un salto epocale guardando al punto di partenza ed al breve tempo impiegato per raggiungere tale assetto».

Il ruolo di Ibm in tre tappe

Come spiega Stefano Rebattoni, General Manager Global Technology Services di Ibm Italia, «Mettere le persone al centro, e non le tecnologie, è una prerogativa di Ibm. Per farlo, però, occorre puntare su una perfetta integrazione delle innovazioni disponibili. Il cloud, in particolare nella sua formulazione ibrida, offre questa possibilità. Sono state tre le tappe con cui abbiamo accompagnato il digital journey di Alitalia: in primis la trasformazione con cui abbiamo superato l’obsolescenza iniziale spostando le fondamenta dell’architettura tecnologica sul cloud e sul data center di IBM. La seconda tappa è stata focalizzata sulla virtualizzazione e l’allargamento ad un cloud ibrido capace di integrare tutte le potenzialità della precedente struttura IT. Infine, e in questo caso stiamo già parlando dei prossimi passi da compiere, abbiamo avviato una nuova orchestrazione tecnologica basata su multicloud».

Una trasformazione di questa portata richiede un approccio completo che includa tematiche di automazione, sicurezza e resilienza. Il percorso definito da Alitalia ed IBM si dispiega su una serie di domini supportati da tecnologie che, dove necessario, sono integrate con modalità open source o di altri vendor.

Alla base di tutto c’è la visione di una IT ibrida, muti-cloud e composta da servizi di tipo IaaS, PaaS e SaaS gestiti attraverso una governance complessiva unica e standardizzata. Ovvero, la IT ibrida e distribuita appare e viene gestita come un unicum.

Tecnologie per il multicloud

«Tra le varie tecnologie necessarie alla gestione multicloud – prosegue Rebattoni – vale la pena soffermarsi su alcune di loro: l’Ibm Broker per la selezione, configurazione e integrazione di servizi cloud, che utilizza tecnologie di analytics per la gestione e l’ottimizzazione dei costi; l’Ibm Cloud Resiliency Orchestrator per l’automazione delle operazioni legate al disaster recovery; la tecnologia Ibm SIEM per la gestione degli eventi di sicurezza; una piattaforma di containers as a service basata su Kubernetes e fornita dalla soluzione Ibm Cloud Private potenziata a sua volta dalla acquisizione di RedHat da parte Ibm per offrire ai clienti il best of breed per le applicazioni di nuova generazione».

Un ruolo di primaria importanza in questa digital reinvention, speiega Rebattoni, «è stato giocato della competenza e dell’esperienza nell’esecuzione di una tale trasformazione che abbraccia componenti tecnologiche, modelli di sourcing, topologia di delivery e processi di gestione. Ibm è stata in grado di supportare Alitalia nel suo percorso, fornendo le competenze e le metodologie necessarie insieme alle tecnologie e ai servizi cloud necessari».

Il prossimo digital journey con Red Hat

«I risultati ottenuti fino ad ora – chiosa Roberto Tundo – ci confermano la strategia ICT definita all’inizio del nostro viaggio, gli adeguamenti ad essa progressivamente applicati per tenere conto di un mondo digitale che viaggia a velocità impensabili appena cinque anni fa e ci incoraggiano a proseguire sulla via maestra della trasformazione digitale. I prossimi passi sono orientati a migliorare sempre di più l’efficienza delle infrastrutture tecnologiche e la Customer Experience dei viaggiatori. Abbiamo per questo previsto un piano di realizzazione di diversi progetti di IT transformation verso il multicloud integrato. L’approccio complessivo è basato su un’evoluzione parallela di applicazioni ed infrastruttura da una parte e soluzioni di gestione e di governance dall’altra. È inoltre a piano l’applicazione di tecnologie di intelligenza artificiale per l’automazione delle operazioni, per la reazione immediata ad eventuali disservizi e per il supporto alle decisioni di miglioramento continuo della IT e dei processi di gestione».

«Alcune novità degli ultimi mesi – aggiunge Rebattoni – dal Multi Cloud Manager all’acquisizione di Red Hat, aprono a ulteriori nuove vie di sviluppo per la digital journey di Alitalia. Oggi più che mai, quindi, si possono sfruttare queste tecnologie per gestire ambenti distribuiti su vari cloud e sviluppare applicazioni e microservizi arricchiti a loro volta da servizi cloud avanzati, come l’artificial intelligence, per costruire nuove modalità di interazione con i propri clienti oltre a creare nuovi mercati».





Fonte: https://www.01net.it/

Rate this post
Updated: 5 dicembre 2018 — 10:17
Siti Web > Notizie di Marketing e comunicazione © 2018 Realizzazione, creazione, sviluppo, progettazione siti web-internet