Siti Web > Notizie di Marketing e comunicazione

Consulta le nostre news di tecnologia ed informatica online !

Apple T2 Secure Chip sui nuovi Mac permette solo l’avvio di macOS e Windows


Apple ha inserito un chip chiamato Apple T2 Security Chip all’interno dei nuovi Mac, a partire dall’iMac Pro lanciato lo scorso anno. Tale chip presente anche nei Mac appena annunciati. Lo scopo di questo chip quello di creare un’enclave sicura dove archiviare le chiavi di cifratura utilizzate dal Secure Boot, dal file system APFS e dal Touch ID. Tale chip, per, non permette di utilizzare il Secure Boot e sistemi operativi diversi da macOS e Windows.

Apple permette da tempo di installare Windows sui Mac tramite la funzionalit BootCamp, e continua a permettere ci anche sui nuovi Mac supportando le firme di Microsoft necessarie per autenticare Windows e permetterne quindi l’avvio.

Lo scopo del T2 Security Chip infatti quello di impedire l’avvio di software non autenticato, cos da proteggere i dati da sofware potenzialmente pericolosi. Il problema che Apple non supporta i certificati dei partner di Microsoft, come scrive Phoronix, ma solo quelli di Microsoft stessa: questo significa che anche i prodotti che possono essere utilizzati con i sistemi UEFI con Secure Boot abilitato non risultano in realt utilizzabili sui nuovi Mac.

Questo non significa che non sia possibile utilizzare del tutto sistemi operativi terzi, come Linux o FreeBSD, ma che non possibile utilizzarli con il Secure Boot abilitato. Disattivando il T2 Secure Chip, infatti, possibile continuare ad avviare software non certificato: per farlo necessario utilizzare lo Strumento di Sicurezza dell’Avvio e selezionare l’opzione “nessuna protezione”.

Ancora una volta, per, questa decisione riporta la discussione sul tema della possibilit di scelta: sebbene il numero di persone interessate a installare un sistema operativo terzo su un Mac sia limitato, ci non toglie che lasciare la libert all’utente di installare software a piacimento rimanga un pilastro essenziale. Qual e dove si posiziona il limite sulla libert di scelta del sistema operativo? Fin dove lecito che i produttori si spingano nell’autorizzare o meno l’esecuzione di software terzo? Queste discussioni non risultano nuove, ma continuano a essere un problema da affrontare.



Fonte: https://feeds.hwupgrade.it

Rate this post
Updated: 8 novembre 2018 — 12:42
Siti Web > Notizie di Marketing e comunicazione © 2018 Realizzazione, creazione, sviluppo, progettazione siti web-internet