Siti Web > Notizie di Marketing e comunicazione

Consulta le nostre news di tecnologia ed informatica online !

Backdoor negli apparati di rete da 10 anni: questa l’accusa a Huawei del governo USA


Nuove accuse a Huawei sono quelle che provengono dagli Stati Uniti: il Wall Street Journal le riporta, citando ufficiali del governo USA. Huawei avrebbe implementato nei propri dispositivi di rete una backdoor con la quale poter accedere segretamente alle informazioni, strumento che sarebbe stato integrato da oltre 10 anni negli apparti di rete con il fine di fornire informazioni alle forze dell’ordine qualora necessario.

Queste informazioni sono state rese disponibili alle amministrazioni USA e della Germania alla fine del 2019, una volta che gli Stati Uniti hanno registrato accessi agli apparati 4G risalenti al 2009: il fine era ovviamente quello di convincere anche questi due governi a seguire la strada del ban dei dispositivi Huawei dalle proprie reti dati per il 5G.

Queste backdoor sarebbero state implementate come via per gli ufficiali per accedere ad informazioni protette, nel caso in cui questo si rendesse necessario per attività legali. Robert O’Brien, national security adviser per il governo USA, ha affermato che “gli Stati Uniti hanno prove che Huawei abbia la possibilità di accedere segretamente a informazioni personali e sensibili in sistemi che vende e mantiene in funzionamento in un po’ tutto il mondo”.

O’Brien vede la contrapposizione tra i costi molto competitivi delle soluzioni di rete provenienti da aziende cinesi, Huawei in testa, e la necessità di garantire sicurezza dei dati. Per il governo USA la tentazione per alcuni paesi può essere molto forte: prediligere il risparmio economico che assicurato utilizzando queste soluzioni di rete con però il rischio che i dati possano in qualche misura non essere più sicuri.

Huawei non ha rilasciato una dichiarazione specifica in merito al momento attuale ma, come già avvenuto in passato, respinge qualsiasi accusa di violare le informazioni personali e sensibili che transitano sui propri dispositivi di rete.

Il governo USA ha inflitto un ban a Huawei nel mese di maggio 2019, impedendo all’azienda di commercializzare le proprie soluzioni sul mercato. Nei mesi seguenti gli Stati Uniti hanno richiesto ad altre nazioni, Regno Unito e Germania in primis, di non adottare soluzioni Huawei nelle proprie infrastrutture di rete così da non mettere in discussione la sicurezza dei dati.

Nel Regno Unito Huawei può al momento operare come fornitore di soluzioni di connettività 5G con però alcune precise condizioni: che non superi la quota di mercato del 35%, che non sia presente in alcune sedi geografiche considerate sensibili dal governo UK e che gli elementi chiave dell’infrastruttura 5G non siano costruiti utilizzando apparecchi Huawei.



Fonte: https://feeds.hwupgrade.it

Rate this post
Updated: 12 Febbraio 2020 — 11:11
Siti Web > Notizie di Marketing e comunicazione © 2018 Realizzazione, creazione, sviluppo, progettazione siti web-internet