Siti Web > Notizie di Marketing e comunicazione

Consulta le nostre news di tecnologia ed informatica online !

British Telecom sostituirà le apparecchiature Huawei del suo core network 3G e 4G, tempi da guerra fredda


British Telecom, l’operatore TLC ex-monopolista del Regno Unito, ha confermato che sostituirà tutte le apparecchiature Huawei critiche impiegate per la sua rete mobile 3G e 4G entro due anni. Le pressioni del Governo, gli avvertimenti dell’Intelligence inglese e la moral suasion statunitense devono aver contribuito nella scelta, ma quel che è certo è che si sta manifestando una sorta di effetto domino internazionale. Prima Washington ha chiuso la porta al colosso cinese, poi è stata la volta dell’Australia e recentemente della Nuova Zelanda.

Il timore più o meno fondato che Huawei possa agevolare il controllo e lo spionaggio cinese delle reti è diventato il nuovo spettro del panorama industriale legato alle telecomunicazioni. Non è servita a nulla la difesa dell’azienda: gli alleati degli Stati Uniti stanno serrando le file, anche in vista della prossima rivoluzione 5G.

BT si è spinta oltre perché si parla del cosiddetto “core network” 3G e 4G, implementato negli ultimi 12 anni proprio grazie alla partnership con Huawei. Un’azienda che nel tempo non solo ha saputo colmare il gap tecnologico con le concorrenti Ericsson e Nokia, ma anche rilanciare con prezzi concorrenziali. Oggi Huawei è leader indiscussa nel panorama mondiale, ma rischia di subire uno scossone nei mercati occidentali.

L’unica consolazione è che BT continuerà ad affidarsi alle apparecchiature Huawei per gli elementi di rete meno “pericolosi” come ad esempio quelli dei tralicci. E comunque, come ha ribadito un portavoce di BT al Financial Times Huawei rimane “un importante fornitore di apparecchiature e un valido partner di innovazione”.

Insomma, l’accordo di collaborazione rimane in piedi e anche l’attuale trial 5G a Londra proseguirà, ma non è chiaro cosa avverrà in futuro e se il Governo deciderà di esporsi con specifici paletti – magari in vista del prossimo bando per le frequenze 5G previsto per il 2019.



Fonte articolo: https://www.tomshw.it/

Rate this post
Updated: 5 dicembre 2018 — 17:27
Siti Web > Notizie di Marketing e comunicazione © 2018 Realizzazione, creazione, sviluppo, progettazione siti web-internet