Siti Web > Notizie di Marketing e comunicazione

Consulta le nostre news di tecnologia ed informatica online !

Chrome si fa poliziotto: dalla versione 82 segnalerà e bloccherà i download “non sicuri”


Nei giorni scorsi Google ha svelato alcuni importanti dettagli circa la tabella di marcia che scandirà i rilasci delle prossime versioni del broswer Chrome, e in particolare sulle nuove modalità di segnalazione (e di blocco) che opererà nei confronti di download “non sicuri” a partire da pagine web HTTPS.

“Annunciamo che Chrome assicurerà con gradualità che dalle pagine sicure HTTPS si possano scaricare solamente file sicuri. I file scaricati in maniera non sicura sono un rischio per la sicurezza e la privacy degli utenti. Per esempio programmi scaricati in maniera non sicura possono essere sostituiti con malware dagli attaccanti, mentre malintenzionati potrebbero intercettare estratti conto bancari scaricati in maniera non sicura” ha spiegato il responsabile della sicurezza di Chrome, Joe DeBlasio, in un post sul blog ufficiale. Chrome parla di “mixed content” ovvero di elementi “non sicuri” cioè derivanti da siti non-HTTPS all’interno di siti HTTPS.

Gradualità è proprio la caratteristica chiave del piano di rilascio che ha in mente Chrome: a partire dalla versione 82, la cui diffusione è prevista per il mese di Aprile, il browser avvertirà gli utenti se si accingono a scaricare eseguibili non sicuri da un sito web HTTPS.


Come si vede dallo schema pubblicato sul blog, con il rilascio della versione 83 gli eseguibili saranno invece bloccati direttamente, mentre l’avvertimento riguarderà gli archivi. E così via con questa cadenza: in Chrome 84 gli avvisi saranno per i documenti .doc e .pdf, mentre gli archivi saranno bloccati, sarà poi la volta degli avvertimenti per file audio, immagini e video nella versione 85 e infine dalla versione 86 Chrome bloccerà direttamente tutti i download non sicuri all’interno di un sito HTTPS. Secondo Google la versione Chrome 86 sarà rilasciata indicativamente nel corso del mese di ottobre.

La strategia sarà portata avanti anche per le versioni Android e iOS di Chrome, ma la tabella di marcia sarà ritardata di una versione. Precisa DeBlasio: “Chrome posticiperà il rollout per Android e iOS, facendo partire gli avvisi da Chrome 83. Le piattaforme mobile hanno una miglior protezione nativa contro i file pericolosi, e questo darà agli sviluppatori un piccolo vantaggio nell’aggiornare i loro siti prima di avere impatto sugli utenti mobile”.



Fonte: https://feeds.hwupgrade.it

Rate this post
Updated: 11 Febbraio 2020 — 18:22
Siti Web > Notizie di Marketing e comunicazione © 2018 Realizzazione, creazione, sviluppo, progettazione siti web-internet