Siti Web > Notizie di Marketing e comunicazione

Consulta le nostre news di tecnologia ed informatica online !

Con Extreme Networks la rete si gestisce da sola


Gli Extreme Elements di Extreme Network sono costituiti da un mix di hardware e software e includono tutto il necessario per mettere in piedi delle Autonomous Networks, delle reti definite via software in grado di gestirsi autonomamente, evitando tutte le complesse operazioni necessarie per mettere in piedi una rete di stampo classico. 

Si tratta a tutti gli effetti di sistemi di Intelligenza Artificiale che creano e gestiscono  di rete realizzate per rispondere a specifici compiti, reti che si auto-configurano e adattano automaticamente, il tutto con una particolare attenzione alla sicurezza.

Un esempio di utilizzo arriva da Pierre-André Rulmont – VP Information Systems STIB (Società dei Trasporti Intercomunali di Bruxelles): “Il numero dei passeggeri che utilizzano il trasporto pubblico a Bruxelles è in aumento, e rappresenta una sfida costante per i sistemi che devono crescere, e le persone che devono gestire il funzionamento nelle ore di punta. Con gli Extreme Elements come Extreme Fabric Connect siamo riusciti a integrare processi automatizzati e manuali per costruire una rete di videosorveglianza che può di gestire fino a 15.000 videocamere IP, per controllare il traffico e garantire la pubblica sicurezza dei passeggeri. Recentemente, abbiamo abilitato il controllo automatico in tempo reale del traffico dei mezzi pubblici, migliorando il funzionamento e liberando risorse IT per lo sviluppo di nuovi servizi“.

I moduli di Extreme Elements

La soluzione Extreme Elements è costituita da più moduli che si occupano di gestire i vari aspetto della rete. Extreme Management Center. 

Extreme Management Center garantisce ai responsabili di rete visibilità sull’intero network e gli strumenti per verificare il corretto funzionamento e per risolvere eventuali anomalie mentre ExtremeAI Security è un modulo basato su algoritmi di machine learning che sfrutta l’AI per individuare le minacce e monitorare in tempo reale le apparecchiature IoT connesse. Per aumentare la sicurezza dei dispositivi Internet of Things ci si può appoggiare alla soluzione endpoint Defender for IoT, che isola questi apparati dagli altri servizi. Defender for IoT è estremamente semplice da gestire e non richiede tecnici specializzati per essere implementato. 

Extreme Workflow Composer si occupa dell’orchestrazione della rete ed è il modulo che consente di attivare le funzioni di automazione, mentre ExtremeAnalytics è il software per l’analisi della rete e delle sue applicazioni, che aiuta gli amministratori a trovare i colli di bottiglia e a ottimizzare le prestazioni del network in tutte le sue aree, dall’edge al core. 

Tutti questi moduli si appoggiano all’infrastruttura Software Driven Extreme, delle soluzioni di rete allo stato dell’arte per la periferia, la sede aziendale e il data center, migliorate con apparati intelligenti basate su processori x86 di nuova generazione, che comprendono ExtremeCloud Appliance, ExtremeSwitching X465 premium, switch stackable gigabit Ethernet, e la nuova piattaforma ExtremeAccess. Tutte le soluzioni offrono il supporto container per portare la potenza di elaborazione dove è necessaria.

Maggiori informazioni sono disponibili sul sito di Extreme Networks



Fonte: https://feeds.hwupgrade.it

Rate this post
Updated: 21 Maggio 2019 — 17:33
Siti Web > Notizie di Marketing e comunicazione © 2018 Realizzazione, creazione, sviluppo, progettazione siti web-internet