Siti Web > Notizie di Marketing e comunicazione

Consulta le nostre news di tecnologia ed informatica online !

Conviene acquistare iPhone ricondizionati? | MobileLabs


Se volete un iPhone avete almeno tre scelte: acquistarlo nuovo sul sito di Apple o in un Apple Store, acquistarlo usato da un privato o acquistare un prodotto ricondizionato. Se cercate “iPhone ricondizionato” su Google troverete differenti siti tra cui scegliere, oltre al sito ufficiale Apple. Tuttavia i modelli offerti direttamente da Apple sono pochi (nel momento in cui scriviamo solo iPhone 8 e iPhone X) e dai prezzi poco entusiasmanti. Per la nostra prova abbiamo selezionato il sito www.swappie.com, tra i primi proposti dalla ricerca Google. Ovviamente l’esperienza che racconteremo riguarda il sito che abbiamo provato, ma abbiamo notato che la valutazione dei prezzi è condivisibile tra la maggior parte dei siti specializzati in iPhone ricondizionati.

Il grado di usura

Tutti i siti indicano un grado di usura dello smartphone, che identifica la quantità di difetti estetici dell’iPhone che stiamo per acquistare. Nonostante ogni sito possa identificare lo stato estetico secondo una propria nomenclatura, molti utilizzano una scala alfabetica dalla “A” alla “C”, con i gradi “A+” e “A++” a indicare i migliori stati di conservazione.

Sul sito che abbiamo utilizzato sono ben descritti i vari gradi, con “A++” che corrisponde a “pari al nuovo” fino a “C” che viene descritto come “ Ottime condizioni dal punto di vista tecnico. Presenta segni di usura e difetti estetici visibili e più marcati rispetto a tutti gli altri gradi.” e che possiamo tradurre in “lo smartphone è caduto parecchie volte, aspettatevi segni un po’ ovunque”.

C’è da dire che è difficile trovare smartphone in questo stato, mentre il grado più diffuso è quello “A+”, lo stesso del modello che abbiamo acquistato. Il differente stato di conservazione definisce il prezzo finale. Tra un grado e l’altro possiamo riscontrare differenze di prezzo da circa 30 a circa 50 euro, in base al modello scelto. Se è un modello recente la differenza sarà di 30 euro circa, per un modello più attempato la differenza sarà maggiore.

Vi descriveremo più avanti lo stato di usura “A+” che abbiamo riscontrato sul nostro modello.

Il processo di acquisto e le garanzie

Il nostro processo di acquisto è stato veloce e indolore, non differente da quello che offre un qualsiasi altro shop online. Scelto il modello, un iPhone XS Max, ci siamo registrati, abbiamo pagato e dopo tre giorni ci è stato recapitato il pacco contenente il nostro iPhone.

La garanzia legale per la vendita di un prodotto usato in Italia è di 12 mesi. Il venditore, anche privato, è costretto per legge a rispettare questo periodo di garanzia, che ha all’incirca lo stesso funzionamento della garanzia sul nuovo. Ovviamente chiedere a un privato di rispettare questa garanzia non è qualcosa di semplice, mentre avendo a che fare con un’azienda, la procedura, ma soprattutto la sensibilità dell’azienda, dovrebbe essere decisamente maggiore rispetto un qualsiasi cittadino privato conosciuto tramite un mercatino.

Il sito da cui abbiamo acquistato offre in più una garanzia “soddisfatti o rimborsati” di 14 giorni, cioè se se non siete soddisfatti potete restituire il prodotto entro 14 giorni (nella confezione è già inclusa l’etichetta per il reso).

I prezzi

Abbiamo dato un’occhiata ai prezzi degli iPhone su swappie.com, confrontati con quelli di mercato tra privati e anche con quelli del nuovo.

Apple vende ancora due modelli meno recenti degli iPhone 11, cioè iPhone 8 e iPhone XR. Se prendiamo, ad esempio, un iPhone XR da 128 GB rosso in grado A++, quindi pari al nuovo, la versione ricondizionata è venduta a 659 euro, mentre la versione nuova costa 789 euro, cioè una differenza di 130 euro. Tale differenza diventa di 180 euro se accettiamo qualche graffietto, affidandoci a un grado A+.

Passando a iPhone 8, un modello Plus da 64 GB pari al nuovo costa 499 euro, mentre un originale e nuovo da Apple costa 679 euro; lo stesso modello ma in grado A+ costa 469 euro. La differenza di prezzo va quindi da 180 a 210 euro.

Su un prodotto non recente vale la pena valutare l’acquisto di un ricondizionato, magari anche in grado A+, quindi non perfetto. Quasi 200 euro di differenza non sono poche.

Dando invece un’occhiata al mercato dell’usato, interrogando siti come eBay e subito.it, o mercatini dell’usato legati a siti d’informazione, potrete risparmiare mediamente circa un centinaio di euro dai prezzi medi dei ricondizionati. Ovviamente in questo caso l’attività di ricerca e acquisto richiede del tempo e uno sforzo non paragonabili all’acquisto di un ricondizionato da un sito dove basta scegliere e pagare. Dovrete assicurarvi che l’offerta pubblicata corrisponda al vero, scambiare mail, accordarvi con il venditore sui metodi di pagamento e consegna, e sperare che tutto fili liscio. Sarete ripagati di questa fatica con un risparmio, come detto, di circa un centinaio di euro o poco più. Piuttosto è la garanzia legale sull’usato quella che potrebbe venire a mancare acquistando da un privato, non perché ne sia esentato, ma perché in caso di necessità sarà sicuramente più difficile avvalersene rispetto a un’azienda.

L’iPhone che abbiamo ricevuto

Abbiamo effettuato l’ordine un giovedì sera, abbiamo ricevuto l’iPhone il lunedì successivo. L’ordine è quindi stato gestito ed evaso in tempi veloci.

Nella scatola che abbiamo ricevuto era presente unicamente l’iPhone, un cavetto Lightning e il pin per aprire lo sportellino della scheda SIM. Non era presente né il caricabatterie né la confezione originale. Ci aspettavamo la confezione originale, ma poi abbiamo ricontrollato il sito ed era specificato il modo e gli accessori che sarebbero arrivati con l’iPhone. È un problema? Non crediamo, a meno che per voi avere la confezione originale con tutti gli accessori sia essenziale. Ma è innegabile che si perda un po’ di valore.

Passiamo ora ai tre elementi fondamentali: le condizioni estetiche, lo stato della batteria e lo stato di funzionamento dell’iPhone.

Abbiamo scelto un “Grado A+”, quindi ci aspettavamo qualche graffietto, ma nulla di trascendentale. All’analisi visiva il risultato è il seguente (abbiamo cercato di mostrare i difetti in foto, ma come potete vedere sono talmente lievi che dovreste vedere lo smartphone dal vivo per scorgerli).

Vetro anteriore perfetto, non un graffio, identico al nuovo
Vetro posteriore qualche lieve segno superficiale, visibile unicamente sfruttando i riflessi della luce e analizzando nel dettaglio la superficie
Vetro fotocamera perfetto, identico al nuovo.
Lato superiore e inferiori perfetti, non un graffio.
Lato sinistro tre piccoli segnetti vicino all’angolo inferiore.
Lato destro un micro-graffio vicino allo sportello della SIM

Esteticamente non possiamo che essere soddisfatti. Il “danno” più grande è quello del lato sinistro, ma si tratta di segni lievi. Niente che salti facilmente all’occhio. A uno sguardo veloce si confonderebbe facilmente con un iPhone nuovo di pacca. Le condizioni di funzionamento sono ottimali, almeno per quanto siamo stati in grado di verificare. Non ci sono problemi di surriscaldamento, tutto funziona a dovere.

Infine, grande sorpresa: lo stato di vita della batteria, pari al 100%. Stiamo usando un iPhone 11 Pro dal momento del lancio e ora lo stato della batteria è pari al 99%. Non ci aspettavamo un valore basso, ma nemmeno un 100%. In breve, il prodotto ricevuto è in ottimo stato, sia estetico che tecnico, superiore alle aspettative.

Verdetto

Vale la pena acquistare un iPhone ricondizionato? La nostra esperienza è stata molto positiva, l’ordine su Swappie è stato gestito velocemente, in un paio di giorni avevamo l’iPhone scelto, in condizioni praticamente perfette.  Non possiamo ovviamente essere certi che l’esperienza possa essere la stessa per tutti, e che tutti gli shop offrano la stessa soddisfazione. Se avete acquistato un iPhone ricondizionato, vi invitiamo a condividere la vostra opionione nei commenti sotto all’articolo.

In ogni caso, facciamo alcune valutazioni.  Se volete acquistare un modello meno recente, avrete i vantaggi maggiori. Non solo perché spenderete meno, ma anche perché avrete più certezze sullo stato tecnico ed estetico dello smartphone e la sicurezza di un’azienda con cui far valere la garanzia legale – nel caso specifico del sito utilizzato anche un’opportunità di recesso di 14 giorni.

Rispetto all’acquisto da privato un modello ricondizionato vi costerà mediamente circa 100 euro in più. Differenza che può aumentare sui modelli meno recenti, ma che difficilmente diventerà enorme considerando il mantenimento del valore di tutti gli iPhone. Ovviamente questa valutazione l’abbiamo fatta considerando la media degli iPhone che abbiamo trovato in vendita; l’offerta imperdibile potrà sempre capitare, ma dovrete essere fortunati.

Insomma, se siete alla ricerca di un nuovo iPhone, tenete in considerazione il mercato dei ricondizionati, con tutti i vantaggi e gli svantaggi che vi abbiamo raccontato.



Fonte articolo: https://www.tomshw.it/

Rate this post
Updated: 1 Febbraio 2020 — 13:14
Siti Web > Notizie di Marketing e comunicazione © 2018 Realizzazione, creazione, sviluppo, progettazione siti web-internet