dall’inno di Jimi Hendrix al rifiuto dei Beatles


Il 15 agosto 1969 partì la prima edizione di Woodstock. Dai primi momenti dell’organizzazione Michael Lang, John P. Roberts, Joel Rosenman e Artie Kornfeld volarono basso: doveva trattarsi di un “semplice” festival di arte e musica – in quei territori e in quegli anni era consuetudine – tant’è che inizialmente l’evento doveva chiamarsi An Aquarian Exposition.

La stampa conservatrice

Quando videro che le prevendite avevano raggiunto quota 186mila, però, si accorsero che qualcosa di diverso stava succedendo. I cambi di location furono numerosi fino alla scelta di Bethel, a 69 chilometri da Woodstock. Il grande afflusso di giovani da ogni parte degli Stati Uniti, con automezzi che arrivarono a bloccare l’autostrada creando un forte disagio, scatenò le redazioni che sguinzagliarono i reporter alla ricerca della notizia scandalistica per gettare fango sull’evento e sui ragazzi di quella generazione.

Gli Stati Uniti, il Vietnam e Jimi Hendrix

Alla prima edizione di Woodstock parteciparono 400mila anime. Fu il festival di Joe Cocker, Santana, Joan Baez, The Who ma soprattutto di Jimi Hendrix che chiuse il festival inaugurando la sua performance con lo storico inno americano suonato per protestare contro la guerra del Vietnam.

E i Beatles?

Il pubblico si ritrovò ad assistere a un non-stop-live di tantissimi artisti, i più rivoluzionari del tempo e per un pelo non arrivarono pure i Beatles: l’organizzazione, infatti, pur a conoscenza dell’avvenuto scioglimento contattarono John Lennon e gli chiesero di partecipare con i Fab Four e John pose la condizione di far partecipare anche la Plastic Ono Band. Lang e soci non accettarono e i Beatles rimasero a casa.

Dal 15 al 19 agosto 1969 si scrisse la storia: centinaia di migliaia di anime urlarono a gran voce la loro voglia di cambiamento, si radunarono insieme agli artisti per celebrare la pace, l’arte, l’amore e la rivoluzione. La prima edizione di Woodstock andò bene tanto da convincere le redazioni a raccontare una storia diversa, una storia che veniva riscritta.





Fonte: http://www.optimaitalia.com/

Realizzazione, creazione, sviluppo siti web ed assistenza informatica Napoli


Realizzazione siti web ed assistenza informatica Napoli


Cartomanzia basso costo


Fabbro idraulico elettricista – Bologna, Ferrara, Parma, Modena


Assistenza caldaie Firenze

Fiorai Napoli, Fioristi Napoli, Fiori Napoli, Fioraio Napoli

Aste Online, Aste al centesimo Online, Aste al ribasso gratuite, Aste online Iphone

cartomanti al telefono

Cartomanzia Divina

Tarocchi decani

Casa dei cartomanti

Astrocartomanti

Studio sibille cartomanzia

Pronto intervento Fabbro, Modena, Bologna, Ferrara

Pronto intervento elettricista, Modena, Bologna, Ferrara

Pronto Intervento idraulico, Bologna, Modena, Ferrara

Incantesimi e legamenti d’amore

Sitiwebs

Sviluppare siti internet

Websolutions

Cartomanti Roma

Cartomanti Napoli

Tarocchi amore futuro immediato relazione

Tarocchi del destino per single e della vita

Lettura tarocchi dell’amore

Studio Sibille Cartomanzia

Cartomanti Sibille

Consulti di cartomanzia

Cartomanzia Promozionale

Cartomanti Sensitive al telefono

Cartomanti Europei

Magia Rossa

Magia Bianca

Magia Nera

Sito web vetrina

Sito web per ristoranti

Realizzazione sito web e-commerce

Software aste al centesimo

Cartomanti al telefono

Tarocchi della zingara

Cartomanzia al telefono

www.falegnamenapoli.altervista.org

Rate this post
Updated: 15 Agosto 2020 — 9:06
Siti Web > Notizie di Marketing e comunicazione © 2018 Realizzazione, creazione, sviluppo, progettazione siti web-internet