Siti Web > Notizie di Marketing e comunicazione

Consulta le nostre news di tecnologia ed informatica online !

Facebook, ex responsabile inserzioni politiche: ‘Guadagna manipolando la gente’


Yael Eisenstat si occupata della divisione che supervisiona le inserzioni politiche in seno a Facebook, ma stata anche funzionaria della CIA e consigliere della Casa Bianca. Ha scritto un articolo sul Washington Post che sta facendo il giro della rete perch getta benzina sul fuoco sul caso delle inserzioni politiche in grado di manipolare gli elettori. In vista delle future elezioni presidenziali negli Stati Uniti, e in seguito allo scandalo Cambridge Analytica il fenomeno sotto attenta osservazione e al centro del dibattito pubblico.


“Anche se la societ sta continuando a lavorare su come gestire i contenuti politici in vista delle elezioni presidenziali, chiaro che modifiche marginali al sistema pubblicitario non risolveranno i problemi pi gravi” scrive Eisenstat. “Il vero problema che parte dei profitti di Facebook dipende dall’amplificazione di falsit e dalla vendita di pericolosi strumenti di targeting che consentono agli agenti politici di portare avanti un tipo di guerra basata sulle informazioni a un livello molto diverso dal passato”.


Facebook


“Il suo modello di business sfrutta i nostri dati per consentire agli inserzionisti di inoltrare oro messaggi pubblicitari specifici in base al tipo di target, mostrando a ciascuno di noi una versione diversa della realt e manipolandoci con inserzioni iper-personalizzate” continua Eisenstat. “Fino a quando Facebook privileger il profitto al controllo della veridicit delle notizie non potr evitare di danneggiare le democrazie“.


“Quando ho iniziato a lavorare per Facebook, ho approfondito la questione della disinformazione nella pubblicit politica. All’interno di una piattaforma interna, ho chiesto ai team che lavoravano sulla pubblicit politica se avremmo dovuto implementare per le inserzioni politiche gli stessi strumenti che usavamo per affrontare la disinformazione in pagine e post organici. Non mi era chiaro perch la societ applicasse politiche e strumenti diversi tra le varie aree di Facebook. La maggior parte degli utenti non distingue i contenuti organici dalle inserzioni, come ho chiaramente verificato durante un mio soggiorno in India, dove abbiamo testato i nostri prodotti per l’integrit delle inserzioni. Quindi, perch in Facebook si aspettano che gli utenti capiscano che standard diversi sono applicati a forme di contenuto diverse, visto che tutti i tipi di contenuto appaiono indiscriminatamente nei loro feed di notizie?”




“Il fatto che prendevamo denaro per indirizzare le inserzioni politiche agli utenti servendoci della grande quantit di dati che avevamo raccolto significava che le inserzioni politiche avrebbero dovuto avere un livello ancora pi elevato di integrit rispetto a ci che le persone pubblicano tra i contenuti organici. Mi sono chiesta se, associando a queste inserzioni un segno di spunta e usando l’etichetta “contenuto sponsorizzato”, non trasmettessimo l’idea sbagliata che stessimo garantendo la validit del contenuto. Ho pensato che stavamo aumentando la credibilit del contenuto senza effettivamente controllarne la veridicit. La maggior parte dei miei colleghi condivideva le mie perplessit, ma qualcuno sopra di noi non la pensava allo stesso modo e mi accus di creare confusione”.


Negli ultimi giorni Twitter ha annunciato che vieter tutti gli annunci politici sul proprio social network. Subito dopo l’annuncio, il CEO di Facebook Mark Zuckerberg tornato a difendere la gestione delle inserzioni pubblicitarie sulla sua piattaforma. “Anche se ho considerato l’ipotesi di vietare le inserzioni pubblicitarie, alla fine delle mie considerazioni ho ritenuto che dovremmo continuare”, ha detto Zuckerberg agli investitori in una conferenza a margine della pubblicazione dei risultati finanziari. “Le pubblicit possono essere molto utili soprattutto per i candidati e i gruppi di difesa che i media non trattano in maniera esauriente”.


Per la sua difesa delle unit pubblicitarie sulla politica Zuckerberg stato attaccato da pi parti e ha dovuto affrontare un’udienza al Congresso dove la giovane politica americana Alexandria Ocasio Cortez ha detto che per prendere decisioni su Libra, dobbiamo scavare nel comportamento passato di Facebook riguardo al rispetto della democrazia. Per difendersi, Zuckerberg ha rilasciato interviste su Fox News e NBC e ha tenuto un discorso pubblico alla Georgetown University per sostenere il diritto di Facebook a promuovere la “libert di espressione”.


Nel recente periodo Facebook stata coinvolta anche nello scandalo delle unit di moderazione con i lavoratori che sarebbero sottoposti a condizioni di lavoro critiche a causa dei contenuti raccapriccianti condivisi dagli utenti.



Fonte: https://feeds.hwupgrade.it

Rate this post
Updated: 7 Novembre 2019 — 8:49
Siti Web > Notizie di Marketing e comunicazione © 2018 Realizzazione, creazione, sviluppo, progettazione siti web-internet