Siti Web > Notizie di Marketing e comunicazione

Consulta le nostre news di tecnologia ed informatica online !

Fine supporto Windows 7: alla Germania potrebbe costare centinaia di migliaia di euro


Il termine del supporto di Windows 7 ha rappresentato la scorsa settimana la fine di un’era, proprio come lo era stata la fine del termine di Windows XP. Come da prassi, e come promesso da Microsoft con un ampio anticipo, le aziende e le realtà che ne hanno bisogno possono comprare gli Extended Security Update (ESU) per un massimo di tre anni dal termine del supporto, a prezzi relativamente ragionevoli.

Certo è che per chi ha un grosso parco macchine da aggiornare la somma da pagare se non si è passati in tempo a Windows 10 o ad altri sistemi operativi aggiornati, potrebbe essere esagerata. Lo è il caso del governo tedesco, che potrebbe pagare 720 mila euro nel 2020 per mantenere il supporto su 33 mila computer sensibili. La spesa per il governo tedesco è di poco più di 22€ a dispositivo, relativa a sistemi con licenza Windows Enterprise.

Per gli utenti che usano Windows 7 Pro la cifra è invece di circa 45€ l’anno per ogni sistema da aggiornare. La cifra per ottenere gli ESU, inoltre, raddoppia di anno in anno lungo i tre anni di supporto esteso: questo significa che se il governo tedesco non riuscisse a trovare un’alternativa a Windows 7 entro l’anno prossimo dovrebbe pagare circa 1,4 milioni di euro nel 2021 per mantenere il supporto sui propri computer, 2,8 milioni di euro nel 2022.

Di seguito tutti i prezzi:

Windows Enterprise

  • Anno 1 – Gennaio 2020/Gennaio 2021: 25 dollari per dispositivo
  • Anno 2 – Gennaio 2021/Gennaio 2022: 50 dollari per dispositivo
  • Anno 3 – Gennaio 2022/Gennaio 2023: 100 dollari per dispositivo

Windows 7 Pro

  • Anno 1 – Gennaio 2020/Gennaio 2021: 50 dollari per dispositivo
  • Anno 2 – Gennaio 2021/Gennaio 2022: 100 dollari per dispositivo
  • Anno 3 – Gennaio 2022/Gennaio 2023: 200 dollari per dispositivo

Secondo Handelsblatt però la Germania si sta preparando ad evitare il salasso nei prossimi anni: il governo ha già iniziato la sua opera di migrazione nel 2018, e dovrebbe portarla a compimento in tempi utili. La cifra pubblicata è, poi, semplicemente una stima sui costi per unità, mentre Microsoft intende collaborare con le varie organizzazioni per stabilire un prezzo adeguato per mantenere il supporto su tutti i sistemi in base al caso d’uso.



Fonte: https://feeds.hwupgrade.it

Rate this post
Updated: 24 Gennaio 2020 — 13:48
Siti Web > Notizie di Marketing e comunicazione © 2018 Realizzazione, creazione, sviluppo, progettazione siti web-internet