Siti Web > Notizie di Marketing e comunicazione

Consulta le nostre news di tecnologia ed informatica online !

Gmail, arrivano le email dinamiche: ecco cosa sono e come funzionano


Google ha appena aggiornato le app Gmail sulle principali piattaforme mobile, iOS e Android, implementando il supporto ai contenuti dinamici via AMP. La tecnologia consente agli utenti di ottenere una modalit di interazione pi articolata con le e-mail compatibili, accedendo alle pagine web dinamiche senza usare il browser. Il roll-out cominciato nel fine settimana, ma la novit era stata annunciata a luglio insieme al rilascio su desktop.

L’arrivo di AMP su Gmail per mobile offre diversi vantaggi, e Google – in occasione dell’annuncio ufficiale avvenuto tramite post sul blog – d alcuni esempi: grazie ad AMP su Gmail possibile ad esempio iscriversi ad eventi, gestire le impostazioni sugli abbonamenti, e anche rispondere a commenti su un documento Google Docs, il tutto direttamente da Gmail, quindi senza dover lasciare l’app e inframezzare l’interazione con la stessa.


Le e-mail dinamiche via AMP arrivano su Gmail: cosa sono


Uno dei vantaggi principali del supporto ad AMP su Gmail che il contenuto delle e-mail pu essere aggiornato dinamicamente. Questo consente ad esempio di rendere sempre valida un’e-mail sul piano delle informazioni presenti, senza dover costringere il mittente a mandarne di nuove per ogni eventuale modifica necessaria. La parte pi interessante che non solo Google a spingere sull’adozione della piattaforma AMP sulle e-mail.

Di recente Micrsooft ha rilasciato il supporto alla tecnologia su Outlook.com, anche se solo in developer preview e disattivo di default. Di contro, una volta concluso il roll-out su mobile Gmail attiver le e-mail dinamiche su tutti i client, sia desktop (dove gi disponibile da qualche mese) sia mobile. Gli utenti possono ricevere e-mail dinamiche da una serie di organizzazioni di categoria diverse, a patto che queste supportino la tecnologia.




A marzo Google aveva dichiarato che stava collaborando con diversi partner perch offrissero il supporto ad AMP sulle e-mail, e fra i nomi erano stati citati: Booking.com, Despegar, Doodle, Ecwid, Freshworks, Nexxt, OYO Rooms, Pinterest e redBus. Fra i servizi e-mail di terze parti mostratisi interessati alla tecnologia abbiamo invece SparkPost, Litmus, Twilio Sendgrid, Amazon SES e Pinpoint.



Fonte: https://feeds.hwupgrade.it

Rate this post
Updated: 25 Novembre 2019 — 15:41
Siti Web > Notizie di Marketing e comunicazione © 2018 Realizzazione, creazione, sviluppo, progettazione siti web-internet