Siti Web > Notizie di Marketing e comunicazione

Consulta le nostre news di tecnologia ed informatica online !

Google: la “dark mode” di Android fa risparmiare batteria con i display OLED e AMOLED


La Dark Mode di Android – ossia quella modalità che consente di portare i colori dell’interfaccia su tonalità scure – consente di risparmiare batteria sugli smartphone con display OLED o AMOLED. Sembra un qualcosa di scontato, ma oggi c’è anche una sorta di conferma ufficiale da parte di Google, che ha affrontato l’argomento in occasione del Dev Summit in corso durante questa settimana.

Come riportato da SlashGear, il primo grafico presentato da Google mostra la correlazione esistente tra il grado di luminosità e l’impatto sulla batteria. Ovviamente, l’aumento della luminosità è direttamente proporzionale al consumo energetico. L’aspetto più interessante, però, dello studio condotto dall’azienda californiana riguarda il colore.

Il colore mostrato sul display influisce sulla durata della batteria. Come possiamo notare dal grafico sotto, ogni colore assorbe una quantità diversa di energia. Il nero a luminosità massima  è il meno energivoro, a cui fanno seguito rosso, verde e blu. Mentre è il bianco a influire di più sull’autonomia del dispositivo. Questo perché i singoli pixel devono lavorare di più per illuminare le zone più scure dello schermo, cosa che non accadrebbe se lo schermo è già nero.

Google Dark Mode

Del resto, com’è noto, AMOLED e OLED spengono fisicamente i pixel per riprodurre le tonalità scure. Non a caso, nel corso del tempo, Google ha introdotto la Dark Mode in molte delle sue applicazioni, da YouTube ad Android Messaggi, fino ad arrivare a News. Anche perché, il problema della durata della batteria attanaglia ormai tutti i principali produttori di dispositivi mobili.

Per tutti questi motivi, Google ha infine invitato gli sviluppatori di app e interfacce a rendere disponibile la modalità scura nei loro prodotti al fine di aumentare l’autonomia della batteria.

Google Pixel 2 XL può essere attualmente acquistato attraverso Amazon a poco più di 700 euro. Lo trovate a questo link.



Fonte articolo: https://www.tomshw.it/

Rate this post
Updated: 9 novembre 2018 — 16:30
Siti Web > Notizie di Marketing e comunicazione © 2018 Realizzazione, creazione, sviluppo, progettazione siti web-internet