Siti Web > Notizie di Marketing e comunicazione

Consulta le nostre news di tecnologia ed informatica online !

Google rilascia la prima Developer Preview


Android 11

Google ha rilasciato la prima Developer Preview di Android 11, ultima versione del sistema operativo mobile per la quale il team si è focalizzato sulle più recenti innovazioni tecnologiche, ma al contempo anche su privacy e sicurezza, fattori considerate come priorità assolute.

Sono state aggiunte diverse nuove funzionalità per gli utenti, per facilitare l’accesso a dati e file sensibili, così come sono state rafforzate le aree critiche della piattaforma, per mantenere il sistema operativo resiliente e sicuro. Per gli sviluppatori, Android 11 presenta numerose nuove funzionalità per la creazione e la ottimizzazione delle app, tra cui miglioramenti per i form factor pieghevoli e per il 5G, API per lo screening delle chiamate, nuove funzioni multimediali e per le fotocamere, machine learning e altro ancora.

La versione Developer Preview, sottolinea Google, è una early build di base, destinata solo agli sviluppatori e non all’uso quotidiano o da parte degli utenti finali. Serve per condividere le novità con gli sviluppatori in modo che questi possano iniziare a prendere familiarità con esse e fornire feedback a Google sul funzionamento del sistema.

Android 11

Tra le principali novità tecnologiche di Android 11 c’è l’ottimizzazione per l’esperienza mobile nell’era del 5G. In Android 11, spiega infatti Google, sono state migliorate e aggiornate le API di connettività in modo da poter sfruttare le maggiori velocità del 5G.

Inoltre, dato che i produttori di dispositivi continuano a innovare introducendo sul mercato nuovi fattori di forma e tipologie di schermi, è stato esteso il supporto nella piattaforma per questi nuovi form factor, con API che consentono agli sviluppatori di ottimizzare le proprie app.

Sono state poi introdotte delle funzionalità nelle notifiche, come le “bubble” e una sezione dedicata alle conversazioni, mediante le quali gli utenti possono tenere traccia in modo rapido delle chat in corso, nelle app che supportano queste nuove funzioni. 

Neural Networks API (NNAPI) 1.3, progettata per eseguire operazioni ad alta intensità computazionale per il machine learning su dispositivi mobili, in Android 11 riceve un’espansione delle operazioni e dei controlli disponibili per gli sviluppatori, per diversi casi d’uso comuni.

Android 11

Tra le novità riguardanti la privacy, in Android 11 arrivano le one-time permission: per i tipi di dati più sensibili, non solo per la localizzazione ma anche per il microfono e la videocamera del dispositivo, gli utenti potranno concedere l’accesso temporaneo tramite un’autorizzazione una tantum. Inoltre, ci sono miglioramenti per semplificare la transizione allo scoped storage, introdotto già in Android 10.

Android 11 introduce diversi miglioramenti anche per quel che riguarda la sicurezza, tra cui un supporto espanso per le opzioni di autenticazione biometrica, un rafforzamento della piattaforma e dello storage dei dati e altro ancora.

Maggiori informazioni sulle novità di Android 11, e collegamenti a documenti di supporto, sono disponibili sul blog per gli sviluppatori Android.

Android 11

Il programma Developer Preview di Android 11, partito a febbraio 2020, ha una timeline pianificata fino alla versione pubblica finale per AOSP e OEM, prevista per il terzo trimestre 2020.

Google si aspetta che Android 11 possa raggiungere lo status di Platform Stability con la Beta 2, la cui disponibilità è prevista per giugno 2020.





Fonte: https://www.01net.it/

Rate this post
Updated: 25 Febbraio 2020 — 22:20
Siti Web > Notizie di Marketing e comunicazione © 2018 Realizzazione, creazione, sviluppo, progettazione siti web-internet