Siti Web > Notizie di Marketing e comunicazione

Consulta le nostre news di tecnologia ed informatica online !

Hard disk HAMR: il 2020 è finalmente l’anno buono?


Showa Denko, il principale produttore al mondo di piatti per hard disk, ha annunciato di aver ultimato lo sviluppo della tecnologia di produzione per realizzare i supporti degli hard disk di prossima generazione basati su tecnologia HAMR.

I piatti di Showa Denko sono costituiti da una pellicola sottile di lega magnetica di ferro-platino e caratterizzati da una nuova struttura degli strati magnetici che, unitamente a inedite modalit di controllo della temperatura durante la fase di produzione, assicurano una coercitivit magnetica significativamente superiore a quella dei supporti attuali, parallelamente ad un basso livello di rumore grazie all’ottimizzazione delle dimensioni e della distribuzione dei grani cristallini del materiale ferromagnetico. I nuovi supporti, afferma Showa Denko, possono vantare i pi elevati livelli nel settore in termini di caratteristiche di lettura/scrittura e durabilit.

Sembra che la tecnologia HAMR – ricordiamo acronimo di Heat Assisted Magnetic Recording – potr finalmente diventare realt nel corso di questo 2020. Seagate, che da moltissimo tempo al lavoro per sviluppare questa tecnologia (il primo comunicato ufficiale datato 2002!), promette che quest’anno saranno disponibili in commercio i primi hard disk HARM con capienze da 18TB e 20TB. La particolarit di questa tecnologia, lo ricordiamo, di prevedere il riscaldamento in maniera precisa e localmente delimitata del media magnetico su cui registrare il dato. Una tecnologia che assicura capienze elevate, grazie ad una densit areale di storage superiore a quella delle tecnologie fino ad ora utilizzate, e una maggior stabilit del dato una volta scritto.

Nel corso degli anni si sono susseguite una serie di promesse, via via per densit sempre pi elevate, ma che mai hanno trovato concretizzazione in un prodotto commerciale. Forse – d’obbligo – questa davvero la volta buona. Seagate ha gi effettuato una fase di seprimentazione con drive HAMR da 16TB con alcuni clienti selezionati da oltre un anno e ha dichiarato che le prove hanno dato dimostrazione che i suoi drive HAMR possono essere ostituti immediati dei tradizionali drive Conventional Magnetic Recording.

In ogni caso Seagate (cos come la concorrente Western Digital) realizza in casa i piatti per i propri hard disk, ed quindi probabile che i nuovi piatti di Showa Denko saranno utilizzati in futuro da Toshiba. Showa Denko inoltre non ha specificato quale sar la densit di storage dei nuovi piatti ma si limitata ad indicare la possibilit di raggiungere i 5 terabit per pollice quadrato rendendo possibile (ma chiss quando…) dischi con vertiginose capienze da 80TB.

Quel che certo che la normale tecnica di registrazione magnetica PMR (Perpendicular Magnetic Recording) decisamente avviata sul viale del tramonto. Le densit della tecnica PMR sono ora assestate a circa 1,1 terabit per pollice quadrato. Del resto la tecnica PMR ha ormai mostrato il fianco alla triplice sfida posta dalla registrazione magnetica altres nota come “magnetic recording trilemma”: la necessit di un supporto che sia resistente ai cambiamenti di magnetizzazione (per la stabilit del dato), la capacit della testina di superare questa resistenza per poter registrare il dato, e la ridotta dimensione dei granuli del supporto….che per implicano un campo magnetico pi piccolo e quindi pi debole: insomma la proverbiale gestione della coperta (magnetica) corta.



Fonte: https://feeds.hwupgrade.it

Rate this post
Updated: 10 Febbraio 2020 — 8:45
Siti Web > Notizie di Marketing e comunicazione © 2018 Realizzazione, creazione, sviluppo, progettazione siti web-internet