Huawei Mate 30 Pro: ancora uno dei migliori sul mercato (e i servizi di Google sono secondari)


A distanza di pi di un mese dalla sua messa in vendita ufficiale anche in Italia, torniamo a parlare di Huawei Mate 30 Pro, lo smartphone che ha colpito il mondo della tecnologia sia per quel suo comparto tecnico di primissimo ordine sia per limpossibilit di averlo con i tanto necessari servizi di Google il cui impiego, a causa delle mosse del governo americano, di fatto impedito a Huawei.

Torniamo a parlarne perch lo abbiamo riprovato dopo la recensione realizzata i primi di ottobre quando ancora non era chiaro se il device sarebbe approdato in Italia e soprattutto a quali condizioni. Huawei Mate 30 Pro ora venduto sullo store ufficiale dell’azienda cinese ad un prezzo di 1.099,90 e pu dunque essere acquistato da chiunque voglia ottenere uno smartphone top di gamma. S, perch riprovandolo quotidianamente le impressioni positive che avevamo avuto durante la recensione sono state confermate e le qualit del telefono fanno passare in secondo piano lassenza dei servizi di Google che non ci sono, vero, in prima accensione ma che possono comunque essere in integrati in modo pi o meno semplice. Di fatto lo smartphone pu lavorare anche senza di essi perch Huawei App Gallery, lo store di app dellazienda, si sta popolando di applicazioni.

Huawei: lesperienza premia nei numeri e non solo

I numeri sono dalla sua parte perch Huawei Mate 30 Pro in sole 3 ore dalla sua uscita ha venduto, in madrepatria, oltre 1 milione di unit. I due device hanno attirato lattenzione del pubblico cinese che addirittura ha deciso di accamparsi al di fuori dei negozi con code chilometriche pur di riuscire ad averne uno. Popolarit “in casa” che aumentata proprio con la situazione venutasi a creare con gli Stati Uniti dAmerica dando man forte ad unazienda che non vuole demordere perch sa fare smartphone, dallhardware al software.

La promessa di Huawei stata rispettata. Lazienda aveva dichiarato che la guerra commerciale tra la Cina e gli USA non avrebbe intaccato i piani sulla commercializzazione della serie Mate 30 in Italia. Dal 19 settembre, data di presentazione del Huawei Mate 30 Pro, sono passati alcuni mesi ma di fatto nel suo negozio oggi possibile acquistare lo smartphone e questo fa capire la caparbiet di unazienda che vuole garantire agli utenti di oggi di poter usufruire di tecnologie, come lo smartphone, capaci di semplificare la vita quotidiana.

Per farlo chiaro che si debba essere competitivi su tutti i fronti e in questo momento impossibile non palesare il fatto che Huawei lo sia a 360 gradi o quasi. Proprio Huawei Mate 30 Pro un top di gamma sia per il suo essere stato il primo smartphone con processore Kirin 990 5G, ossia un chipset dalle potenzialit elevate grazie ad una Neural Processing Unit di ultima generazione capace di standard elevati soprattutto sulla fotografia. Sia perch lo smartphone colma vuoti che tecnicamente possedeva con le versioni precedenti (la parte video in primis).

Per sopperire alla mancanza dei servizi di Google, si spera solo momentanei, Huawei ha messo in campo parte delle sue risorse che ha accumulato in questi anni di esperienza e affrontando un investimento da 1 miliardo di dollari a livello globale nel supporto degli sviluppatori. Una macchina operativa capace di portare 10 milioni di dollari in Italia per costruire un sistema operativo basato su AOSP, libera e non licenziata da Google, con gli ormai conosciuti Huawei Mobile Services pronti a fare da cuore al sistema stesso.

Un progetto partito da lontano, circa 7 anni fa, quando gli HMS (Huawei Mobile Services) permettevano di fare poche cose come modificare laspetto dello smartphone installando dei temi. Oggi App Gallery lapplicazione presente in tutti gli device Huawei e permette la distribuzione gratuita e globale delle applicazioni create appunto dagli sviluppatori per gli oltre 500 milioni di utenti. E’ uno dei punti forza su cui lazienda vuole affrontare il problema dei servizi di Google anche se ricordiamolo, la stessa Huawei, ha sempre confermato la preferenza di proseguire il cammino con Android e tutto quello che ne deriva, USA permettendo.

Huawei Mate 30 Pro: uno smartphone del futuro, gi reale

Huawei Mate 30 Pro quello che ci piace chiamare ”top di gamma” ma non solo per quelle sue caratteristiche tecniche tra chipset, sensori grandangolari, display a cascata e chi pi ne ha pi ne metta. Lo definiamo top di gamma per quel suo essere ancora primo della classe seppure con le sue mancanze dovute a forze esterne.

Affascina quel display con bordi curvi (88 gradi di angolo per la precisione) da record. Un display che vede la mancanza del bilanciere fisico del volume che viene bypassato con un veloce doppio tap sul lato destro o sinistro del device per far apparire una barra a schermo facile da muovere tramite il dito. Tecnicamente un pannello importante nelle dimensioni visto che in diagonale risulta da 6.53 pollici ed di tipo AMOLED. I colori sono estremamente saturi e vividi proprio come si vorrebbe su di un gamut P3. Comode le due modalit, Intensa e Normale, che permettono di configurare manualmente la temperatura.

Tipica la tacca superiore che garantisce a Huawei di poter posizionare una fotocamera anteriore da 32MPx affiancata da un sensore ToF ossia Time Of Flight che garantisce ancora pi profondit negli autoscatti oltre a maggiore sicurezza durante lo sblocco con rilevamento del viso.

A livello prestazionale non possiamo che ribadire quello che avevamo detto in fase di recensione ossia che Huawei Mate 30 Pro una garanzia. Lazienda ha investito risorse nel tempo da questo punto di vista ottenendo un prodotto tecnologicamente avanzato, anche pi di altri. Parliamo chiaramente del processore ”made in Shenzhen” Kirin 990. Processore presentato ad IFA 2019, realizzato con processo produttivo a 7-nm, Octa Core con clock fino a 2,86GHz. Potenza da vendere anche grazie alla presenza di 8GB di RAM che donano reattivit in ogni operazione e a cui vengono aggiunti anche 256GB di memoria di archiviazione interna espandibili con NM Card.

Laspetto sul retro di Huawei Mate 30 Pro mostra cosa cambiato a livello fotografico rispetto alle precedenti generazioni. Un campo, questo fotografico, fiore allocchiello di Huawei che decide ormai di continuare nella collaborazione con Leica e propone qui 4 fotocamere. Tecnicamente abbiamo un sensore da 40MP principale con OIS e apertura da f/1.6 quindi un Teleobiettivo da 8MP per zoom 3X ottico. Ancora una cam Ultra Grandangolare da 40MP con f/1.8 ed infine una camera ToF per la migliore resa nei dettagli.

Nello specifico:

  • Standard

    • Sensore SuperSensing da 40 MP

    • Obiettivo grandangolare con apertura f/1.6 (27 mm, 1/17, PDAF)

    • OIS

  • Ultra-Grandangolare

  • Teleobiettivo

  • Depth

  • Video 4K Ultra HD @ 60 fps

  • Slow-motion HD @ 7680 fps

  • Huawei AIS (AI Image Stabilization)

  • Hybrid Autofocus

I risultati li avevamo definiti da primo della classe e in questa seconda tornata di test con un software aggiornato pi volte da Huawei non possiamo che confermare e ribadire che gli scatti e lesperienza ottenuta con Mate 30 Pro non fanno che porlo ai primi posti nel mondo della fotografia da smartphone. Huawei chiama la sua Quad Camera SuperSensing Cine Camera progettata per migliori risultati fotografici e videografici. Sulla pratica si hanno pose prive di rumore senza una reale perdita di dettagli con colori sempre brillanti. Esposizioni e colore quasi perfetti con buona esposizione ai livelli di luce bassi che vengono compensati anche da una gamma dinamica elevata anche in scene difficili con alto contrasto.


Clicca per ingrandire


Clicca per ingrandire


Clicca per ingrandire

Vero, Huawei in Mate 30 Pro, abbandona il periscopio che abbiamo elogiato sul passato P30 Pro soprattutto sulle lunghe distanze. Ma in qualche modo per migliorare video e anche le foto, Huawei, doveva rinunciare a qualcosa anche se affidarsi allo zoom 3x permette di raggiungere ottimi scatti. Gli scatti in notturna hanno raggiunto delle buone esposizioni fino a livelli di luce molto bassi, soprattutto con soggetti di paesaggio urbano non troppo illuminati. Livelli di rumore bassi con dettagli a volte un po’ morbidi in queste condizioni ma forse colpa del firmware non ancora ottimizzato.


Clicca per ingrandire


Clicca per ingrandire


Clicca per ingrandire

Video migliorati. I passi in avanti ci sono e Huawei Mate 30 Pro permette di registrare video fino alla risoluzione massima del 4K Ultra HD a 60 fps per impostazione predefinita. Ma non tanto sui numeri che si notano i miglioramenti piuttosto sul risultato. Buono lequilibrio dei sensori con un basso profilo del rumore. Rende bene il dettaglio con piacevoli colori e con una buona illuminazione della scena anche in cambi di ripresa veloci. La stabilit efficace e il video tende a muoversi poco con una percezione cinematografica della ripresa e soprattutto con la percezione che si possano realizzare video divertendosi.


Clicca per ingrandire


Clicca per ingrandire

Sullautonomia la capacit di 4.500 mAh non fa che portare a sera senza problemi anche con un utilizzo intenso dello smartphone tra video, foto, navigazione web e sessioni social anche e soprattutto sotto rete 4G oltre che in rete Wi-Fi ed hotspot. Il merito tutto dell’ottimizzazione tra Kirin 990 e la EMUI che a forza di aggiornamenti ha raggiunto un livello elevato di simbiosi con il processore ”made in Shenzhen”. Da non dimenticare anche la ricarica veloce che il soli 15 minuti permette di avere il 39% di carica e soprattutto di poter ottimizzare la ricarica stessa anche con la tecnologia wireless fino a 27W.

Huawei Mate 30 Pro: non c Google ma si pu installare

Non abbiamo ancora parlato del sistema operativo presente in Huawei Mate 30 Pro. Il motivo facile da intuire: lo smartphone non possiede i servizi di Google e dunque al momento non ha un Play Store non appena lo si accende. Non troveremo le applicazioni che possiamo trovare in un precedente device dellazienda. E questo a seguito dei problemi che si stanno avendo tra il governo cinese e il Presidente degli Stati Uniti dAmerica, Donald Trump. Problemi costati appunto la licenza di Android per i nuovi device a marchio Huawei.

Ora le scelte che gli utenti possono fare per utilizzare al meglio il nuovo Huawei Mate 30 Pro, senza i servizi di Google, sono molteplici. Da una parte possibile installare tramite procedura guidata il Play Store e qualsiasi altra applicazione risalente a Google proprio come su altri smartphone Android. In questo modo si avrebbe un device identico a quello che abbiamo sempre avuto prima che gli USA bloccassero la licenza per Android a Huawei.

Diversa invece la possibilit di abbandonare il Play Store per una scelta pi proprietaria con linstallazione delle applicazioni tramite lApp Gallery di Hauwei e luso di servizi come Phone Clone, sempre creato dallazienda cinese, che permette di trasferire app e dati da un telefono Android (o anche iPhone) al Mate 30 Pro. Infine possibile ottenere linstallazione delle applicazioni di uso quotidiano tramite i singoli file APK che gli utenti possono trovare in giro per la Rete. Qui potrebbe entrare in gioco anche Amazon App Store che, integrato gi nel telefono, permette di scaricare alcune app conosciute direttamente dallo store del colosso di Jeff Bezos.

Percorrendo la prima strada, che poi quella che permette di avere uno smartphone completo con servizi di Google e Play Store installati, necessario avere a disposizione qualche conoscenza di Android e del suo sistema operativo. L’utente dovr seguire passo passo la guida qui esposta, che permette di installare i servizi di Google e lapp dello Store di Android eseguendo il login con il proprio account di Gmail proprio come con qualsiasi altro smartphone Android. La procedura necessita di un backup precedente eseguito su di un Huawei Mate 30 Pro (che viene chiaramente concesso online). Quindi sar necessario scaricare ed installare i file APK delle app del GMS di Google per poi procedere tramite procedura guidata allaccesso al Play Store e a tutto quello di cui si ha bisogno per utilizzare normalmente lo smartphone. Una procedura semplice a livello operativo ma che di fatto potrebbe non essere alla portata di tutti o magari non “digerita” da tutti visto che il backup da installare viene reso online gi con i servizi di Google installati o perch comunque ci sono limitazioni lato pagamenti digitali che possono far comodo a molti.

Considerando invece di puntare sulla soluzione alternativa di App Gallery di Huawei o anche tramite Amazon App Store integrato con file APK trovati in rete si potranno scaricare pi o meno tutte le applicazione necessarie per luso quotidiano del telefono. Come detto in apertura App Gallery di Huawei viene integrata di default e seppure al momento garantisca un numero non molto ampio di applicazioni, lazienda ha intenzione nel breve periodo di popolare il suo store grazie agli incentivi per gli sviluppatori. Facendo invece leva su Amazon App Store possibile trovare un numero maggiore di applicazioni che compensano almeno in parte la mancanza del Play Store.

In entrambe le situazioni per mancheranno tutte le applicazioni di Google, da GMail a Google Drive, passando per Google Maps o ancora YouTube. Ora le soluzioni in tal caso sono due: utilizzare i servizi di Google tramite browser web oppure utilizzare app alternative installate tramite gli store o anche tramite file APK scaricati direttamente dal web o magari dal sito ufficiale, se presente, del servizio che si vuole usare. Trovare le applicazioni in questo modo non sar un problema e quello che di buono avremo sui dubbi di installare app scaricate da terze parti, sar quella di avere un controllo di certificazione di app sicure prima della loro installazione direttamente tramite l’algoritmo del Mate 30 Pro, che permetter di far scattare un campanello d’allarme in caso di situazione anomala.

Ununica nota dolente sar quella dei servizi di pagamento digitale quale Google Pay. Qui non si avr la possibilit di farli funzionare nemmeno installando i Play Services. Di fatto per le applicazioni delle banche funzioneranno senza problemi una volta scaricate nei vari modi. Nessun problema nemmeno sul fronte del gaming dove i maggiori titoli possono trovarsi tra Amazon App Store e altri store online. Oltretutto molti giochi possono essere scaricati direttamente dai siti ufficiali delle software house.

Il resto quello che viene definita interfaccia grafica solita. Su Huawei Mate 30 Pro abbiamo gi la nuova EMUI 10 basata su Android 10 che rappresenta senza dubbio un grosso passo in avanti in fatto di modernit ed efficacia grafica da parte dellazienda stessa. Finalmente le icone sono pi belle da vedere, meno vecchie di quanto vediamo con la EMUI 9. Troviamo la modalit scura, tanto in voga con Android 10. Una volta abilitata, tutte le applicazioni che lhanno correttamente implementata secondo le specifiche di Android, permetteranno agli utenti di visionare i contenuti e tutto quello che riguarda lapplicazione con sfondo ed elementi dalla tonalit scura.

I cambiamenti con la EMUI 10 ci sono e non riguardano solo lestetica ma anche lusabilit dellinterfaccia da parte degli utenti. Huawei nel quotidiano cerca di sopperire al numero quasi infinito di sezioni, di menu e di sottomenu rendendo pi immediata ora la visualizzazione delle varie sezioni nelle impostazioni. Un design migliorato con maggiore spazio di interlinea ed una suddivisione degli elementi analoghi o che riguardano simili concetti. Insomma tutto cambia con un gusto estetico migliore ed una maggiore reattivit nelluso di tutti i giorni.

CONCLUSIONI

Huawei Mate 30 Pro un vero top di gamma. Inutile girarci intorno perch la scheda tecnica e quello che Huawei stessa ha messo in campo con questo nuovo smartphone lo eguaglia agli altri competitor del momento su questa fascia di prezzo soprattutto nel comparto fotografico o ancora nellottimizzazione tra comparto hardware e quello software.

Di fatto non appena lo si accende Huawei Mate 30 Pro non come gli altri smartphone. Non possiede il Play Store come non possiede i Google Play Services e non pu installare le applicazioni come si fa con altri device dellazienda o di altri brand. I metodi per per farlo sono tanti e diversi. Lunica differenza sar quella di dover essere un po pi flessibili nelluso del Mate 30 Pro che potrebbe risultare, in prima battuta, forse meno ”user friendly” per i motivi suddetti.

La speranza sempre quella che tra il governo cinese e quello americano si possa aprire lo spiraglio della resa del blocco. Ritornare ad una situazione normale la volont che Huawei spera e si augura. Gli investimenti per gli sviluppatori, ma anche quelli su di un proprio sistema operativo sono gi stati messi in campo ma chiaro che Huawei sia intenzionata pi a tornare ad Android e a tutto quello che riguarda questo piuttosto che aprire ad un nuovo corso dovendo ricominciare pi o meno da zero. Usare Mate 30 Pro senza Google possibile anche se con qualche limitazione ma di fatto usarlo con Google sarebbe tutto pi semplice e alla portata di tutti.



Fonte: https://feeds.hwupgrade.it

Rate this post
Updated: 17 Gennaio 2020 — 17:16
Siti Web > Notizie di Marketing e comunicazione © 2018 Realizzazione, creazione, sviluppo, progettazione siti web-internet