Siti Web > Notizie di Marketing e comunicazione

Consulta le nostre news di tecnologia ed informatica online !

I film e le serie TV più interessanti di novembre 2018


Siamo ormai entrati nel pieno dell’autunno: le giornate si fanno più corte, il meteo rema contro i nostri eventuali piani e le malattie stagionali ci obbligano a rimanere a casa, sotto le coperte. Quale momento migliore per farsi delle sane maratone bingewatching delle nuove serie in arrivo (con arretrati) oppure rimpinzarsi di pop-corn caldi al cinema?





Mentre in sala la qualità e la frequenza di nuove uscite non cala, sul fronte seriale invece ci aspetta un mese alquanto tranquillo. Persino il colosso Netflix sta sulla difensiva questo mese con solo la nuova stagione di Narcos a dominare la scena, probabilmente per permettere agli abbonati di recuperare i titoli dello scorso mese, in vista della probabile scorpacciata natalizia.

Serie TV

  • House of Cards 6° Stagione (2 novembre, Sky Atlantic)

    Dopo un anno dallo scandalo che ha travolto e rovinato la carriera di Kevin Spacey, lo show televisivo che lo ha rilanciato si appresta a concludersi con una stagione diversa dal solito di appena 8 episodi, in cui il diabolico presidente degli Stati Uniti non apparirà più. Con un salto temporale, avremo come protagonista assoluta la signora Underwood (Robin Wright) che prenderà finalmente le redini del Paese come primo presidente donna, dopo la misteriosa e prematura morte del suo coniuge. La Wright è indubbiamente una grande attrice, ma lo show reggerà senza il suo attore di punta?
    Purtroppo, Netflix non è riuscito a riprendersi i diritti della sua opera prima da noi, che rimane ancora nelle salde mani di Sky.

  • Kidding – Il fantastico mondo di Mr. Pickles (7 novembre, Sky Atlantic)

    Dopo il suo periodo di assenza dalle scene, Jim Carrey arriva per la prima volta in TV, divenendo il volto di una serie cucita intorno a lui realizzata da Micheal Gondry, l’autore e sceneggiatore de The Eternal Sunshine of the Spotless Mind (In italiano mutilato con Se mi lasci ti cancello) dove l’attore ha dato prova di una delle sue interpretazioni più intense e drammatiche. Kidding è la storia di Jeff Pirriccillo, un intrattenitore per bambini televisivo in arte Mr. Pickles. Nonostante il caloroso sorriso con cui ti accoglie ogni giorno e l’impero milionario del suo branding, l’uomo dietro le quinte deve affrontare una vita familiare difficile, attacchi di depressione e incapacità di distinguere il mondo reale da quello di fantasia del suo personaggio.

  • Narcos: Mexico (16 novembre, Netflix)

    Quando Escobar era ancora agli inizi della sua carriera nel contrabbando, in Messico nasceva il cartello di Guadalajara. Narcos decide di compiere un soft reboot della sua narrazione per tornare cronologicamente nel 1980 e mostrare le “origini” del primo grande cartello della droga nel Sud America, guidato da El Padrino, al secolo Felix Gallardo (Diego Luna). Noi seguiremo sempre il punto di vista degli agenti federali alle calcagna dei criminali, questa volta impersonati dall’agente della DEA e padre di famiglia Kiki Camarena (Micheal Peña) che prima ancora di affrontare i demoni della cocaina, dovrà sistemare e tenere in salvo la sua vita famigliare.

  • Baby (30 novembre, Netflix)

    Netflix torna a produrre nel Bel Paese con una serie dedicata allo scandalo delle baby squillo del Parioli nel 2014, che ha creato un’ondata di scalpore nella capitale. Protagoniste fittizie della vicenda saranno Chiara e Ludovica, due ragazze estremamente diverse provenienti da due realtà sociali molto differenti, in una storia di crescita adolescenziale diversa dal solito: le due, per un motivo o per l’altro, finiscono per diventare delle escort presso un night club romano, sfruttate da un losco Paolo Calabresi nei panni del manager. Ad aver curato la sceneggiatura ci ha pensato il collettivo italiano GRAMS, che ha promesso di aver dipinto al meglio le situazioni e le preoccupazioni degli adolescenti moderni italiani, donando loro dei dialoghi verosimili.

  • 1983 (30 novembre, Netflix)

    L’ucronia è una corrente letteraria che sta ri-sbocciando in questo periodo grazie al successo de The Men in the High Castle di Prime Video e Netflix non si è limitata a guardare. Con 1983 vuole lanciare in grande stile la sua divisione polacca, toccando un tema molto caro agli ex abitanti del blocco sovietico: la cortina di ferro.In questa versione distopica, l’Unione Sovietica è ancora in piedi e ha consolidato la sua posizione e autorità sui paesi dell’Est Europa dopo un enorme attentato durante una manifestazione pacifica del 1983. Vent’anni la Polonia è un oppressivo stato di polizia prosperante che ha fatto conoscere la pace a una paese dilaniato nel corso del secolo precedente. Tutto cambierà quando uno studente di giurisprudenza dai forti ideali e un investigatore caduto in disgrazia iniziano a indagare sugli eventi di quel nefasto giorno, portando alla luce un complotto ventennale la cui scoperta potrebbe cambiare la percezione mondiale della storia recente.

Film

  • The Other Side of the Wind (2 novembre, Netflix)

    Netflix è sempre stata mal vista dal mondo cinematografico tradizionale a causa delle sue politiche anti-sala, ma non si può certo dire che non guarda con rispetto gli autori del passato. Con una mossa epocale, il servizio ha comprato i diritti e il montato di The Other Side of the Wind, il film incompiuto del grandissimo regista Orson Welles. Ci basta nominare Quarto Potere, ritenuto “solo” il più grande film di sempre a detta di molti, ma la sua carriera è sconfinata e durata più di 50 anni. Il film era stato completamente girato da più di 10 anni, ma allo stesso modo di Kubrick con Eyes Wide Shut, l’autore è morto nel 1985 prima di entrare in cabina di montaggio. Dopo 33 anni, l’azienda di Los Gatos ha completato l’opera, cercando di replicare il più fedelmente possibile gli appunti e le intenzioni di uno dei più grandi e controversi registi di sempre.The other side of the wind doveva fungere da grande opera personale e autobiografica del pensiero di Welles sul cinema e le figure autoriali, tramite la storia del regista ormai sulla via del tramonto J.J. “Jake” Hannaford (interpretato dall’altra leggenda del cinema John Houston) che decide di chiudere la sua carriera girando un film a basso costo e auto prodotto, pieni di nudi, violenza e dalle idee fortemente estremiste.L’operazione di estremo revival avrà avuto successo?

  • Overlord (8 novembre)

    Il nostro caro vecchio J.J. Abrams colpisce ancora con uno dei suoi progetti avvolti da una coltre di mistero. Overlord dalle prime indiscrezioni sarebbe dovuto essere il quarto capitolo della saga di Cloverfield, ma evidentemente il flop registrato con Paradox avrà fatto cambiare idea al produttore e cambiato eventuali riferimenti nella post produzione.Ci troviamo nel pieno della Seconda Guerra Mondiale, durante l’offensiva finale degli alleati nel territorio occupato dai nazisti. Un manipolo di soldati americani precipita nei pressi di un villaggio occupato e quello che trovano non è il solito scenario di guerra: nei sotterranei si estende un grosso laboratorio dell’Asse dove vengono compiuti esperimenti esoterici e occulti sulla popolazione, creando una nuova progenie di mostri ben più terrificanti dei nazisti. Halloween è passato, ma gli horror al cinema non ci lasciano!

  • Red Zone: 22 Miglia di Fuoco (15 novembre)

    Un genere molto adatto al periodo è quello d’azione, e Novembre sarà un mese bello movimentato sotto quest’aspetto. Ad aprire le danze ci pensa Red Zone: 22 miglia di Fuoco, diretto da un regista (Peter Berg) che mastica pop corn a colazione.Il protagonista James Silva (Mark Walhberg) e la sua squadra della CIA di istanza in Indonesia devono proteggere un grosso informatore del governo americano compromesso. Senza alcun supporto o riconoscimento da parte del governo centrale, il gruppo dovrà scortare l’uomo per 22 miglia (35,40 chilometri, per gli amici del sistema metrico) per farlo imbarcare ed estradare dal paese. La scampagnata non è, prevedibilmente, una passeggiata: la mafia, funzionari corrotti e un esercito privato braccheranno i nostri. Un film di genere che promette tante mazzate e scene d’azione testosteroniche da manuale. Nota di merito la presenza di Lauren Cohan, la Maggie di The Walking Dead per la prima volta in una produzione così grossa.

  • Animali Fantastici – I Crimini di Grindewald (15 novembre)

    L’uscita più attesa del mese è sicuramente il sequel di Animali Fantastici, la nuova saga cinematografica ambientata nello stesso universo magico scritto da J.K. Rowling.I crimini di Grindewald riprende la storia di Newt Scamander tempo dopo il primo film. Nonostante la cattura, il pericoloso mago terrorista Grindewald (il criticato Johnny Depp) è di nuovo in libertà e minaccia di destabilizzare sia il mondo della magia che quello dei babbani. Ad opporsi sarà un giovane Albus Silente (qui interpretato da Jude Law) che recluta il suo ex allievo Newt per una rischiosa missione segreta nel cuore di Parigi. Il primo film si era rivelato un blockbuster interessante e per certi versi diverso dal solito, la Rowling avrà fatto il centro anche con questo seguito? I fan non sono molto entusiasti di alcuni dettagli (l’omosessualità non dichiarata, seppure ormai sia cosa nota, di Silente) e retcon fatti alla mitologia di Harry Potter, ma l’interesse ci sta tutto.

  • La ballata di Buster Scruggs (16 novembre, Netflix)

    Sul carro di Netflix saltano anche i Fratelli Coen, che dirigono il loro primo film ad episodi per la piattaforma di streaming, tornando su un genere in cui si muovono magistralmente: il western.La ballata di Buster Scruggs è una raccolta di 6 storie differenti e uniche sulla vita nella frontiera, ognuna con attori e scenari differenti che vanno dalla vita in miniera, al viaggio di una carovana e la ballata di un pistolero canterino. Nel cast troviamo nomi di grosso calibro e grandi caratteristi come tim Black Nelson, James Franco e Liam Neeson. Spaziando il registro da drammatico a commedia, i Coen daranno un assaggio del loro particolare e unico stile su Netflix.

  • Penguin Highway (20 novembre)

    Dopo il successo di Mirai lo scorso mese, la stagione di film di animazione giapponesi di Nexo Digital si arricchisce con Penguin Highway, uno strambo ma interessante esperimento visivo.Durante l’estate, la tranquilla cittadina in cui abita il bambino Aoyama diventa lo scenario di avvenimenti strani: pinguini! Dal nulla questi animali iniziano a comparire un po’ ovunque, persino trasmigrandosi da oggetti pre-esistenti. Curioso e deciso a svelare il mistero, Aoyama con la sua sorellona e i suoi compagni di scuola decide di investigare sullo strano fenomeno, imparando al contempo cosa significhi diventare un adulto.

  • Upgrade (22 novembre)

    Definiti i “Re Mida” di Hollywood, la casa di produzione Blumhouse decide di gettarsi per la prima volta nel campo della fantascienza e dei film d’azione con Upgrade.+Dallo sceneggiatore di Saw, entriamo in un mondo futuro dove la tecnologia controlla quasi ogni livello della vita quotidiana, ma non risolve i suoi problemi. Gray e sua moglie sono vittime di una rapina in cui lei viene uccisa e lui finisce del tutto paralizzato. Un geniale inventore si approccia al protagonista in ospedale con una cura sperimentale al suo problema: lo STEM, un mini computer e intelligenza artificiale, che controlla il corpo al posto tuo. “Aggiornato”, Gray decide di scendere in una lunga e sanguinosa vendetta contro i criminali, ora dotato di abilità e riflessi incredibili.

  • Robin Hood (22 novembre)

    Nelle mille riletture del mito di Robin Hood, all’appello mancava quella in salsa più spettacolare e pop. Fortunatamente ci ha pensato la Lionsgate a donarci questa nuova visione del personaggio.Il noto bandito, questa volta interpretato da Taron Egerton, è un crociato tornato dalla guerra santa in una Inghilterra corrotta e dedita ai vizi e peccati. Privato dei suoi titoli nobiliari e i suoi terreni espropriati dalla corona, il nostro inizierà una rivoluzione popolare nei banni di un bandito mascherato, accompagnato dal suo nuovo maestro Little John (Jamie Foxx) e capo di una banda di malviventi.

  • A private war (22 novembre)

I biopic sono un genere di film molto interessante, che getta una luce inedita su personaggi del passato o contemporanei che magari sono sfuggiti all’occhio dei media più tradizionali. Questo è il caso della vicenda di Marie Colvin, una giornalista e reporter di guerra realmente esistita, morta tragicamente nel 2012 durante un’operazione militare in Siria.

Interpretata dalla candidata Oscar Rosamund Pike, A private war vuole esplorare la storia della Colvin dal punto di vista umano, con il suo impegno umanitario nel coprire gli scenari di guerra più pericolosi e non protetti per denunciare i crimini di guerra e le pratiche proibite durante i conflitti.

  • Bohemian Rhapsody (29 novembre)

A chiudere il mese ci pensa un altro biopic, questa volta molto più atteso e su un gruppo musicale che non ha bisogno di presentazioni: i Queen!

Diretto da Bryan Singer (molti dei film sugli X-Men) il film seguirà tre tappe fondamentali della carriera della band, ponendo (ovviamente) l’accento sulla figura di Freddie Mercury, interpretato dal Rami Malek di Mr.Robot: dalla formazione in un pulcioso night club di Londra e debutto sulle scene musicali con la EMI Records, per passare al caso dell’iconica canzone Bohemian Rhapsody a cui il manager si opponeva strenuamente, fino all’ultima fase dell’abbandono di Freddie e la carriera in solo.

Il film ha subito una produzione un po’ travagliata, con scontri sul set fra il protagonista e regista – in seguito allontanato dal set – ma l’hype dei fan della storica rock band non accenna a calare.

Prodotti in scadenza su Netflix

La frattura con Disney/FOX continua a risuonare sul catalogo, che vede scomparire molti prodotti su licenza, fra grandi classici e nomi più recenti dalla vita molto breve sulla piattaforma. Con altri grossi distributori che hanno in programma di creare i propri servizi, cosa farà Netflix con i titoli di terze parti? In grassetto trovate i titoli più interessanti di cui vi consigliamo la visione.

  • 1 novembre
  • Scelte Alimentari (documentario)
  • 2 novembre
  • Il Gatto con gli stivali
  • 3 novembre
  • La casa dei piccoli cubi
  • 4 novembre
  • Disturbia
  • The Client List
  • 5 novembre
  • Alta tensione
  • Hulk versus Thor
  • Hulk versus Wolverine
  • Le avventure di Sammy
  • L’ultimo esorcismo
  • 6 novembre
  • Magia d’estate
  • 8 novembre
  • Hot Fuzz
  • 9 novembre
  • Felicemente sposati
  • 10 novembre
  • Patterns of Evidence: Exodus
  • 11 novembre
  • Chaos on the Bridge
  • Jem e le Holograms
  • The Boss
  • The Captains
  • 12 novembre
  • Call me Lucky
  • 14 novembre
  • Downton Abbey
  • Cristina
  • Dragon Ball Z: La resurrezione di F
  • King Kong
  • Jedi Junior High
  • 15 novembre
  • Scarface
  • Vacanze ai Caraibi
  • 18 novembre
  • Piccoli Brividi (Serie Tv)
  • 19 novembre
  • Lockup: Country Jails
  • 21 novembre
  • Cosmos: Odissea nello spazio
  • 24 novembre
  • Mars
  • 30 novembre
  • The Americans
  • Bernard
  • Great British Menu
  • I peggiori cuochi d’America
  • Suckers – I Lunottici
  • The Undateables – L’amore non ha barriere
  • Zoobabu

Volete recuperare la saga di Harry Potter? Qui trovate la nuova edizione in Blu-Ray!

 


[ad_2]
Fonte articolo: https://www.tomshw.it/

Rate this post
Updated: 3 novembre 2018 — 9:14
Siti Web > Notizie di Marketing e comunicazione © 2018 Realizzazione, creazione, sviluppo, progettazione siti web-internet