Siti Web > Notizie di Marketing e comunicazione

Consulta le nostre news di tecnologia ed informatica online !

Il 69% del lavoro dei manager sarà automatizzato grazie all’IA, secondo Gartner


È da tempo noto che l’automazione non andrà a impattare soltanto sui lavori meno qualificati e ripetitivi, ma anche sui lavori più tipicamente creativi e dirigenziali. Stando a una ricerca di Gartner, il 69% dei compiti di un manager saranno svolti dall’intelligenza artificiale entro il 2024, con tutte le conseguenze del caso sul ruolo.

L’IA cambia il panorama del lavoro dei manager

Secondo un rapporto di Gartner una parte consistente del lavoro dei manager può essere automatizzata: compilazione di moduli, controllo e gestione delle informazioni, approvazione di flussi di lavoro sono compiti ormai alla portata delle intelligenze artificiali.

Questa automazione dei processi renderà i manager non più utili o, nel migliore dei casi, più liberi di dedicarsi ad altre attività all’interno dell’azienda: ad esempio, potrebbero avere un ruolo di maggiore coinvolgimento nello stimolare la crescita dei propri sottoposti o nel fissare obiettivi per loro. Non è però affatto detto che tutti i manager abbiano questo tipo di inclinazione e di competenza, dunque le aziende potrebbero rimuovere alcune figure.

Il risparmio per le imprese sarà notevole: Gartner stima (ma è bene precisare che si tratta del mercato statunitense) che con un salario medio di 74.000$ per manager, il risparmio sarà di 5 milioni di dollari ogni 100 manager in azienda.

Uno dei problemi che potranno emergere dall’eliminazione di figure dirigenziali e di controllo è una minore mobilità verso l’alto per i dipendenti, che non potranno più fare un passo in avanti nella loro carriera verso una posizione da manager.

Come già avvenuto in molti altri campi, l’intelligenza artificiale cambierà profondamente il mondo del lavoro. Le aziende dovranno necessariamente cambiare il modo in cui sono strutturate e in cui valutano il lavoro dei propri dipendenti per continuare ad avere successo. Sarà necessario premiare (anche economicamente) le competenze e l’impegno in misura molto maggiore rispetto ai titoli, che avranno meno peso.

I manager acquisiranno dunque un ruolo molto più importante per i propri sottoposti, dal momento che non dovranno gestire gli aspetti burocratici ma quelli più prettamente umani. Un cambiamento che potrebbe portare vantaggi alle aziende, dato che creerebbe una forza lavoro più motivata, maggiormente seguita nella sua crescita e stimolata a raccogliere le sfide.

Anche i manager dovranno dunque affrontare un processo di cambiamento e affinamento delle competenze e delle conoscenze per riposizionarsi come lavoratori nell’ambito umano e della gestione dei rapporti e delle competenze. Tale processo ha finora riguardato impieghi più tipicamente manuali e facilmente automatizzabili, ma si sta espandendo anche ad altri ambiti: dato che il vento soffia in questa direzione, l’unica soluzione è spiegare le vele per sfruttarlo.



Fonte: https://feeds.hwupgrade.it

Rate this post
Updated: 29 Gennaio 2020 — 17:07
Siti Web > Notizie di Marketing e comunicazione © 2018 Realizzazione, creazione, sviluppo, progettazione siti web-internet