Siti Web > Notizie di Marketing e comunicazione

Consulta le nostre news di tecnologia ed informatica online !

Il ritorno di Charlie Kaufman: un libro e una serie tv


Charlie Kaufman, geniale sceneggiatore di film-cult come Essere Malkovich, Adaptation, Eternal Sunshine of the Spotless Mind, Synecdoche, New York e Anomalisa, ha annunciato a Entertainment Weekly di stare per pubblicare il suo primo libro. Antkind, il debutto cartaceo di Kaufman, sarà edito dalla Random House e dovrebbe arrivare sugli scaffali a maggio 2020.

Le ben 720 pagine del libro si concentreranno sulla storia di B. Rosenberg, critico cinematografico e venditore di scarpe fallito, che d’un tratto si imbatte in quello che potrebbe essere il più grande successo artistico nella Storia umana: un film della durata di tre mesi, completo di pause programmate per dormire, mangiare e fare il bagno. Rosenberg si convince che questo lungometraggio, realizzato da un misterioso sconosciuto nell’arco di ben novant’anni, possa essere in grado non solo di diventare un nuovo faro di speranza per l’Uomo ma di cambiare il corso della sua stessa carriera, tanto da decidere di ricostruirlo per intero, visto che di questa opera d’Arte si è salvato un unico fotogramma.

La sinossi è descritta dalla casa editrice come:

Un viaggio sbalorditivo attraverso l’esilarante incubo di una psiche kafkiana quanto lussureggiante kafkiana atrofizzata dall’incessante flusso di Twitter. 

La Random House ha acquistato i diritti del libro ben otto anni fa, il tempo che ha impiegato Kaufman per la stesura del suo esordio letterario, definito da Ben Greenberg “opus-strabiliante”.

Ho parlato con Charlie di questo romanzo per quasi otto anni e l’ho visto cambiare, modificarsi e crescere. Antkind è un racconto esilarante, devastante, epico e che sbalordisce. Non ho mai letto niente di simile.

Intanto, per sedare la febbrile attesa di Antkind, presto sarà possibile gustarsi il primo film di Charlie Kaufman realizzato per Netflix, una storia horror con Brie Larson, Jesse Plemons, David Thewlis e Toni Colette e adattata dal romanzo di Ian Reid I’m Thinking of Ending Things.

Per poter comprendere meglio l’intera filosofia alla base della scrittura cinematografica di Charlie Kaufman, cliccate qui.



Fonte articolo: https://www.tomshw.it/

Rate this post
Updated: 24 Novembre 2019 — 10:53
Siti Web > Notizie di Marketing e comunicazione © 2018 Realizzazione, creazione, sviluppo, progettazione siti web-internet