Siti Web > Notizie di Marketing e comunicazione

Consulta le nostre news di tecnologia ed informatica online !

Industria, assistenza a distanza con un’app italiana


Il progetto Livemote è nato nella Silicon Valley da un’idea di una startup aretina formata di 12 persone con esperienza tecnologica che ha pensato un’applicazione in grado di risolvere velocemente interventi di manutenzione e assistenza remota.

I presupposto è che gli interventi di assistenza, manutenzione e riparazione rappresentano una delle criticità più rilevanti per l’industria con cali di produttività che secondo stime recenti superano il 20%.

Con l’avanzamento tecnologico è aumentata anche la complessità dei macchinari e le operazioni di supporto richiedono l’intervento di risorse sempre più specializzate.

I manutentori esperti sono costretti a spostarsi per rispondere alle richieste di intervento, prolungando i tempi di fermo-macchina e aumentando i costi per le imprese.

A pochi mesi dalla sua costituzione, il valore aziendale di Livemote ha raggiunto gli 8 milioni di euro, anche grazie all’accelerazione ottenuta dal secondo round di investimento. Ha un piano di espansione che prevede già nel 2019 paesi come Germania e Francia ed un’evoluzione della piattaforma anche con smart glasses e blockchain per la certificazione degli interventi.

Sono proprio gli operatori sul campo che iniziano a utilizzare senza controllo da parte dell’azienda, sistemi di messaggistica come Whatsapp o video streaming come Skype nel tentativo di superare i limiti dell’assistenza telefonica, perdendo però la tracciabilità aziendale dell’intervento.

Un’app di assistenza che crea una knowledge base

In questo scenario interviene Livemote un’app sicura per la manutenzione a distanza che utilizza la realtà aumentata per limitare al massimo le trasferte degli esperti qualificati consentendo un trasferimento della conoscenza da remoto agli operatori sul campo.

Livemote è disponibile sugli store Apple e Google.

Livemote
Livemote

Livemote
Livemote

L’operatore sul campo ricevere dall’esperto sul proprio smartphone o tablet, indicazioni visive che vengono sovrapposte sull’apparecchiatura che richiede l’intervento, rimanendo ancorate come fossero reali.

Bticino, specialista di infrastrutture elettriche e digitali di edificio, sta testando Livemote in dalla prima release per l’efficienza nelle operazioni di manutenzione e supporto.

Tutti gli interventi di assistenza effettuati tramite Livemote, sono archiviati e consultabili, in modo da costituire una knowledge base aziendale che tramite algoritmi di intelligenza artificiale suggerirà le modalità di intervento più appropriate.

Come funziona Livemote

La realtà aumentata consente un rapido apprendimento delle istruzioni impartite grazie alle indicazioni visive dell’esperto che, con sofisticati algoritmi di intelligenza artificiale, vengono sovrapposte tramite la fotocamera dello smartphone ai componenti di riferimento rimanendo in posizione anche se l’operatore sul campo muove il proprio device (AR Tracking).

Le principali funzionalità di Livemote sono:

● Tracking posizionale in realtà aumentata che consente di “ancorare” all’oggetto o a parti dell’oggetto informazioni a valore aggiunto come note vocali, disegni, manuali, schede tecniche, video, ecc.

●  Knowledge base basata sull’intelligenza artificiale in grado di presentare in maniera automatica le possibili soluzioni derivanti dall’apprendimento di precedenti interventi.

● Semplicità d’uso grazie all’interfaccia che si ispira ai più noti sistemi di messaggistica istantanea a cui l’utente è già abituato.

● Visualizzazione istantanea e in overlay sul mondo reale dei dati provenienti dalle linee di produzione smart e da sensori IoT

● Minimo utilizzo di banda che consente di operare anche in presenza di segnale minimo o addirittura assente grazie alla modalità asincrona di trasmissione.

● Estrema flessibilità operativa grazie ad un innovativo sistema di licenze riassegnabili (floating license) ideato appositamente per strutture con vaste reti di utenti sul campo, tipicamente sottoposte a importanti turnover e spesso composte anche da collaboratori esterni.





Fonte: https://www.01net.it/

Rate this post
Updated: 9 novembre 2018 — 13:14
Siti Web > Notizie di Marketing e comunicazione © 2018 Realizzazione, creazione, sviluppo, progettazione siti web-internet