Siti Web > Notizie di Marketing e comunicazione

Consulta le nostre news di tecnologia ed informatica online !

LG aggiorna la gamma di monitor cloud con 3 nuovi modelli


LG ha presentato tre nuovi display della gamma Monitor Cloud, ideali per le esigenze professionali, in particolare quelle delle enterprise e delle pubbliche amministrazioni: 38CL950, 34CN650, 27CN650, rispettivamente da 38″, 34″ e 27″.

LG 38CL950

38CL950P_3_600

LG 38CL950 è il modello con lo schermo più ampio fra quelli recentemente presentati da LG, e può vantare una diagonale di 38″. Il formato è UltraWide (21:9) curvo, con risoluzione di 3840×1600. Il display è di tipo IPS e integra videocamera e altoparlanti. Al suo interno si trova un piccolo computer basato su processore AMD Ryzen e 8 GB di RAM, mentre il sistema operativo è il classico Windows 10. 

LG 34CN650 e 27CN650

27CN650_3_1_low

Come il precedente modello, anche questi due si basano su schermi UltraWide con proporzioni di 21:9, ma le dimensioni sono più contenute: 34″ e 27″. La risoluzione, in entrambi i casi, è 2560×1080. Sono presenti webcam e speaker, quindi possono essere usati per le videoconferenze, e per la parte computing fanno affidamento a una CPU Intel quad core. La versione che integra Windows IoT Enterprise è dotata di 8 GB di RAM ma è possibile ordinarlo anche senza sistema operativo: in tal caso la RAM è limitata a 4 GB.

Cloud Monitor: a cosa servono?

I vantaggi di questa tipologia di display, che integrano anche il client, sono prevalentemente due: da un lato si riduce il TCO, il Total Cost of Ownership, dato che le aziende possono stimare subito sia il costo dell’hardware sia i consumi energetici, che nel caso di realtà con molti dipendenti (le pubbliche amministrazioni, ad esempio), possono fare la differenza. Dall’altro, i client integrati su questi monitor sono pensati per memorizzare i dati sui server aziendali, o in cloud, minimizzando di conseguenza il rischio di fuga di informazioni sensibili. Tutti i nuovi modelli sono compatibili sia con Windows 10, sia coi principali protocolli VDI: Vmware, Citrix, Amazon Workspaces e Azure.



Fonte: https://feeds.hwupgrade.it

Rate this post
Updated: 30 Luglio 2020 — 11:47
Siti Web > Notizie di Marketing e comunicazione © 2018 Realizzazione, creazione, sviluppo, progettazione siti web-internet