Siti Web > Notizie di Marketing e comunicazione

Consulta le nostre news di tecnologia ed informatica online !

Linkedin Live, un nuovo strumento per il live video streaming. Guru e influencer ne saranno felici


Linkedin Live sta per arrivare negli Stati Uniti con tutti gli strumenti per realizzare live video streaming. La prospettiva di impiego è legata a conferenze, presentazione prodotti, sessioni di domande e risposte, etc.

Linkedin Live è una nuova funzione del noto social network professionale che consentirà a utenti o aziende di effettuare trasmissioni live video. Si tratta di una novità ancora in beta che sarà attivabile su invito e solo negli Stati Uniti, ma la prospettiva della versione finale è scontata: fornire un nuovo strumento per agevolare l’engagement, la formazione, l’informazione e l’approfondimento.

Come spiega Techcrunch, a breve alcuni utenti verranno contattati per partecipare. Live verrà impiegato probabilmente per seguire conferenze, favorire l’annuncio di prodotti, rispondere a domande, diffondere il verbo di influencer, etc. Almeno in questa prima fase l’obiettivo è di arricchire l’offerta con contenuti di qualità; prova ne sia che sono già stati coinvolti specialisti come Wirecast, Switcher Studio, Wowza Media Systems, Socialive e Brandlive.

Il partner di riferimento per il progetto è comunque Microsoft con i servizi media di Azure. In pratica tutta la parte tecnica legata all’encoding sarà gestita dalla sua holding – l’acquisizione risale a giugno 2016.

I video adesso sono il formato in maggiore crescita sulla nostra piattaforma, e quello che più facilmente fa parlare la gente”, ha spiegato Pete Davies, il direttore gestione prodotto di Linkedin. “Live è stata la funzione più richiesta”. E come sarà quindi questa nuova funzione? Davies per ora non si è sbottonato molto ma ha assicurato che sarà possibile lasciare “like”, gli utenti potranno fare domande o dare suggerimenti in tempo reale, gli host potranno moderare, etc.

Per quanto riguarda il modello di business non è escluso che possano essere abilitate campagne oppure che l’accesso ad alcuni contenuti diventi a pagamento. “Questo avverrà nel tempo, ma per ora siamo concentrati su fantastici esempi di impiego”, ha sottolineato Peter Roybal, responsabile video. “Questo potrebbe essere anche un modo per sperimentare nuove idee”.



Fonte articolo: https://www.tomshw.it/

Rate this post
Updated: 12 febbraio 2019 — 12:08
Siti Web > Notizie di Marketing e comunicazione © 2018 Realizzazione, creazione, sviluppo, progettazione siti web-internet