Siti Web > Notizie di Marketing e comunicazione

Consulta le nostre news di tecnologia ed informatica online !

Modem libero in contrasto con future offerte Sky per la fibra? Gli scenari


Sky Italia è ufficialmente un operatore di rete, come stabilito dall’AGCOM all’interno del Registro pubblico Operatori di Comunicazione (ROC), cui va ad aggiungersi l’accordo sottoscritto con Open Fiber per la vendita di abbonamenti basati sulla fibra ottica per la connessione ad Internet (ve ne avevamo parlato in questo articolo). Niente che non sia già successo nel Regno Unito, dove la pay per view di Murdoch si è già avvicendato nella fornitura di questo tipo di servizio attraverso l’utilizzo di modem proprietario, lo Sky Hub.

La cosa va in netto contrasto con la recente delibera AGCOM (in porto dal 31 dicembre 2018, ed a cui TIM, Vodafone e Fastweb si sono già adeguati con un mese di anticipo) circa la possibilità, da parte degli utenti, di avvalersi di un’apparecchiatura compatibile, ma terza, e quindi svincolata dagli obblighi cui gli operatori nazionali spesso e volentieri hanno ricorso. Ricordiamo, però, che, secondo quanto disposto dal BEREC (l’organismo dei regolatori europei delle comunicazioni elettroniche), un operatore può ‘imporre’ l’utilizzo di un dispositivo proprietario ove mai dimostrasse che esso sia di importanza fondamentale nell’erogazione del servizio offerto.

Sky Italia, quindi, potrebbe avvalersi di questa disposizione, e documentare con i fatti che, senza il proprio Sky Hub, l’offerta basata sulla fibra ottica presenterebbe forti limitazioni, od addirittura non potrebbe essere affatto erogata (questo a meno che la società, vista la sua recente entrata nell’orbita Comcast, non voglia adottare sistemi più aperti, che consentirebbero poi di sposare le linee guida del modem libero).

Come riporta ‘DDay.it‘, Sky Italia potrebbe lanciarsi nella nuova avventura della fibra ottica (che vi invitiamo a non confondere con il servizio di pay per view già disponibile da qualche mese, che utilizza la fibra, offerta da oltre operatori, solo come tramite per la fruizione dei propri contenuti) a partire dal Q1 2019 (non ci sono ancora comunicazioni ufficiali in merito).

Ti potrebbero interessare:





Fonte: http://www.optimaitalia.com/

Rate this post
Updated: 2 dicembre 2018 — 11:48
Siti Web > Notizie di Marketing e comunicazione © 2018 Realizzazione, creazione, sviluppo, progettazione siti web-internet