Siti Web > Notizie di Marketing e comunicazione

Consulta le nostre news di tecnologia ed informatica online !

NASA Voyager 2 ora fuori dall’eliosfera ma non dal Sistema Solare


Nonostante il fatto sia avvenuto lo scorso anno (a inizio Novembre 2018) solo in questi giorni salita agli onori della cronaca la notizia, grazie alla pubblicazione di quattro studi, che NASA Voyager 2 ha superato l’Eliosfera trovandosi cos, insieme alla sorella Voyager 1, nello Spazio interstellare.

NASA Voyager 2

NASA Voyager 2: gli ultimi dati e informazioni

A differenza di quanto scritto su altre testate, NASA Voyager 2 ancora all’interno del Sistema Solare proprio perch ancora all’interno della Nube di Oort. Ora la sonda si trova a miliardi di chilometri di distanza dalla Terra (ma appena a 17 ore/luce) nello Spazio interstellare superando cos l’Eliopausa che delimita a sua volta l’Eliosfera dove le condizioni dello Spazio intorno alla Voyager cambiano.

Infatti rimanendo all’interno dell’Eliosfera ci si trova “immersi” in una zona dove si trovano le particelle cariche che costituiscono il vento solare. Gli scienziati, in questi mesi, hanno analizzato i dati di Voyager 2 mettendoli a confronto con Voyager 1 e scoprendo alcune curiosit.


Per esempio, nonostante quest’ultima avesse passato l’Eliopausa durante il massimo solare, stata seguita con breve distacco dalla prima (che invece lo ha fatto nel minimo solare). Una differenza che i ricercatori pensavano potesse essere maggiore.

Si suppone dunque che l’Eliosfera possa contrarsi e allargarsi per via di diversi fenomeni come perturbazioni date dalle espulsioni coronali del Sole che influenzano oggetti anche a distanze elevate. In realt ancora adesso mancano molte informazioni per avere un quadro preciso, ma proprio grazie a Voyager 1 e Voyager 2 potrebbero esserci ulteriori scoperte.

NASA Voyager 2

Le misurazioni del campo magnetico interstellare invece hanno confermato quanto trovato dalla prima sonda: non c’ sostanziale differenza con quello dell’Eliosfera. Ma anche in questo caso non si sa perch.

Anche la misurazione del vento solare di Voyager 2 diversa da quello della gemella. Infatti se per quest’ultima era prossima allo zero gi in prossimit dell’Eliopausa, nel secondo caso solo dopo l’Eliopausa si ridotta.

Un viaggio che potr raccogliere ancora 5 anni di dati

Il viaggio per ha una “data di scadenza”. Secondo i ricercatori, sia Voyager 1 che Voyager 2 avranno ancora una vita utile di 5 anni prima che i tre generatori RTG a Plutonio 238 si esauriscano non permettendo pi di comunicare dati sulla Terra. Questo significa che ci sar ancora la possibilit di ascoltare le due sonde attraverso il Deep Space Network ma che purtroppo presto i dati non potranno pi essere inviati.

Certo, le due sonde hanno svolto ben pi del lavoro per cui erano state pensate 50 anni fa permettendoci di vedere da vicino pianeti per i quali non sono previste missioni ancora per anni (come Nettuno). Le due Voyager ora si trovano a 148 UA e 122,4 UA dalla Terra (separate tra loro da 160 UA) e continueranno ad aiutarci a capire il Sistema Solare ancora prima di spegnersi gloriosamente.



Fonte: https://feeds.hwupgrade.it

Rate this post
Updated: 7 Novembre 2019 — 15:50
Siti Web > Notizie di Marketing e comunicazione © 2018 Realizzazione, creazione, sviluppo, progettazione siti web-internet