Siti Web > Notizie di Marketing e comunicazione

Consulta le nostre news di tecnologia ed informatica online !

NHK sta sviluppando un sensore ibrido organico/CMOS a tre strati


Dallo sviluppo del primo prototipo a opera di Kodak, marchio poi travolto dall’era del digitale, a oggi i sensori fotografici digitali hanno mantenuto immutata la caratteristica di richiedere un filtro colore a matrice davanti allo strato di fotorecettori (CCD o CMOS) per poter catturare immagini a colori. Unica eccezione di reale sviluppo commerciale rappresentata dai sensori Foveon, azienda acquisita da Sigma, che per rappresentano una piccola nicchia e, come abbiamo riportato recentemente, faticano a scalare sulle dimensioni full frame 35mm.

Diversi marchi sono alla ricerca di soluzioni innovative, ad esempio i sensori a base organica su cui lavorano da anni Panasonic e Fujifilm. Un’interessante novit in questo campo potrebbe arrivare dai laboratori di ricerca di NHK, con una soluzione ibrida a tre strati. I tecnici della Nippon Hoso Kyokai (NHK, il servizio pubblico radiotelevisivo giapponese) hanno infatti pubblicato un lavoro che illustra un sensore a tre strati, due organici e uno basato su struttura CMOS su silicio.

In pratica il primo strato organico, costruito su vetro con tecnologia TFT, raccoglie la componente blu della luce lasciando passare le altre; il secondo strato in modo similare assorbe solo il verde e lo strato finale in silicio raccoglie la componente rossa rimasta. In questo modo ogni pixel legge le tre componenti colore, a differenza dei sensori basati su matrice Bayer, dove ogni pixel legge solo una componente colore (‘sprecando’ per assorbimento le informazioni delle altre due) e affidando poi agli algoritmi di demosaicing il compito di ricostruire le informazioni colore complete in ogni punto dell’immagine.

Al momento il lavoro promettente, ma il primo prototipo non pu certo competere coi i sensori attualmente sul mercato, con un pixel pitch di 20 micrometri e una risoluzione di 320×240 pixel. I tecnici nipponici sono al lavoro per diminuire l’area dei pixel e aumentare la risoluzione, visto che invece a livello di frame rate le prestazioni sono gi buone, con una lettura a 60 fps.



Fonte: https://feeds.hwupgrade.it

Rate this post
Updated: 14 Luglio 2020 — 18:06
Siti Web > Notizie di Marketing e comunicazione © 2018 Realizzazione, creazione, sviluppo, progettazione siti web-internet