Siti Web > Notizie di Marketing e comunicazione

Consulta le nostre news di tecnologia ed informatica online !

Nvidia, spuntano due nuove GPU inedite: una ha ben 118 Compute Unit


Anche se la nuova generazione di video gaming di Nvidia non è dietro l’angolo, sembra proprio che la GTC 2020 – come ipotizzato – riserverà sorprese agli amanti delle architetture.

L’evento di Nvidia, confermato nonostante misure di cautela legate alla diffusione del Coronavirus, dovrebbe essere il palcoscenico ideale per presentare il successore dell’architettura Volta, specificatamente pensata per il mondo dell’intelligenza artificiale.

Tale architettura è rimasta confinata agli acceleratori Tesla, con Nvidia che per quanto riguarda l’ambito gaming ha proposto a un anno di distanza Turing, un’architettura che seppur condivida alcuni aspetti con Volta si differenzia per alcune soluzioni, non ultima la presenza degli RT core dedicati all’accelerazione hardware del ray tracing.

In queste ore l’utente Twitter _rogame ha identificato nel database di Geekbench 5 i risultati di due GPU Nvidia del tutto inedite. La prima, più potente, conta 118 Stream Multiprocessor (o Compute Unit se preferite) per un totale (fermo restando 64 CUDA core per SM) di 7552 CUDA core. Per la GPU in questione, affiancata da 24 GB di memoria, il benchmark indica un clock di 1,11 GHz. La scheda ha ottenuto un punteggio di 184096 (visibile qui) nel test OpenCL, un valore quasi il 40% maggiore rispetto a una Titan RTX.

La seconda GPU scoperta dal leaker vanta invece 108 SM per un totale di 6912 CUDA core impostati a 1,01 GHz. Colpisce la quantità di memoria, ben 47 GB (un valore strano, potrebbe essere un errore di rilevamento). La scheda ha raggiunto il punteggio di 141654 nel test OpenCL (qui il risultato), un valore poco più alto di una Titan RTX.

Al momento non è chiaro che tipo di memoria grafica usino queste soluzioni (HBM2E o GDDR6), che in base alla frequenza operativa, al numero di CUDA core e alla quantità di memoria appaiono in tutto e per tutto come successori delle Tesla basate su architettura Volta o al limite adattabili alla serie Quadro, ma non certamente delle GeForce. Interessante notare inoltre come i risultati risalgano a ottobre e novembre.

È comunque bene ricordare che stiamo guardando a dei cosiddetti “engineering sample”, quindi non è detto che vedremo soluzioni dotate esattamente di queste specifiche, soprattutto per quanto riguarda la frequenza, un parametro che di solito i produttori si riservano di modificare fino all’ultimo momento prima della produzione. Non è da escludere inoltre una rilevazione non del tutto esatta di alcune specifiche da parte di Geekbench 5, trattandosi di prodotti inediti.





Fonte: https://feeds.hwupgrade.it

Rate this post
Updated: 29 Febbraio 2020 — 10:25
Siti Web > Notizie di Marketing e comunicazione © 2018 Realizzazione, creazione, sviluppo, progettazione siti web-internet