Siti Web > Notizie di Marketing e comunicazione

Consulta le nostre news di tecnologia ed informatica online !

Opera nei guai: accuse di usura per la società alla base del browser etico


Nel mondo dei browser web Opera si sempre posta come una soluzione etica, tuttavia pare che l’azienda abbia utilizzato alcuni dei progetti secondari con scopi decisamente meno virtuosi. Hinderburg Research ha pubblicato negli scorsi giorni un rapporto in cui si legge che Opera alla base di quattro applicazioni per Android diffuse in India, Kenya e Nigeria decisamente contrastanti con i termini di uso previsti su Google Play Store.

Le accuse non solo semplicemente relative alle normative dello store di Google, ma sono gravissime: si parla infatti non solo di descrizioni ingannevoli, ma anche di usura nei confronti degli utenti. Le app segnalate dalla societ di ricerca sono nello specifico CashBean, OKash, OPay e Opesa, che dichiarano nelle descrizioni dei termini di prestito convenienti e in linea con le direttive di Google per le app della categoria.

Le app affermano di offrire un tasso annuo massimo del 33% o inferiore, tuttavia i tassi effettivi sono decisamente superiori: nel caso di OPesa, ad esempio, possono raggiungere anche il 438%. E, anche se sulla carta la durata dei prestiti sono da 91 a 365 giorni, per alcune di esse la durata reale non supera i 29 giorni (ad esempio OKash), e spesso si ferma a 15 giorni. Valori ben al di sotto del minimo previsto da Google, pari a 60 giorni.

Le condizioni vanno inoltre a deteriorarsi per coloro che non riescono ad effettuare il pagamento in tempo. Un ritardo di un solo giorno nei pagamenti potrebbe aumentare il tasso annuo anche dell’876%, e non solo. Attraverso gli smartphone dei ritardatari vengono avviate chiamate e messaggi ai membri della rubrica nella speranza che questo possa spingere i clienti a pagare. Gli stessi smartphone, inoltre, ricevono notifiche contenenti minacce di azioni legali.

Secondo Hinderbug Opera potrebbe aver sfruttato queste app di prestito fraudolente per raccontare una crescita economica che in realt non c’ stata, soprattutto nell’attivit principale legata al browser. La societ avrebbe poi versato milioni di dollari su app e realt possedute dal suo CEO, nonostante l’esecuzione di pratiche commerciali discutibili. Non sappiamo ancora se il rapporto di Hinderburg Research sia veritiero, tuttavia se lo fosse Opera sarebbe nei guai non solo in termini di reputazione, ma anche in termini legali.



Fonte: https://feeds.hwupgrade.it

Rate this post
Updated: 21 Gennaio 2020 — 10:20
Siti Web > Notizie di Marketing e comunicazione © 2018 Realizzazione, creazione, sviluppo, progettazione siti web-internet