Siti Web > Notizie di Marketing e comunicazione

Consulta le nostre news di tecnologia ed informatica online !

ProGlove, ecco come un lettore di codici a barre sta rivoluzionando l’industria


ProGlove è una startup tedesca nata alla fine del 2014 che in pochi anni è cresciuta a ritmi decisamente sostenuti, tanto che oggi ha alle sue dipendenze più di 200 persone nelle sue due sedi di Monaco e Chicago.

Il suo successo è dovuto al modo in cui hanno reinventato uno degli oggetti più comuni e diffusi nel mondo dell’industria e della logistica: il lettore di codici a barre. Un dispositivo basato su tecnologia tutt’altro che recente, ma fondamentale in qualsiasi ambito: magazzini, logistica, produzione, trasporto e non solo. Questi apparecchi sono al centro di una miriade di operazioni eppure, fino a poco tempo fa, sono rimasti praticamente identici alle origini. 

Partendo da un’idea tutto sommato semplicissima, il team di ProGlove con il suo lettore Mark è riuscito nell’impresa di stravolgerlo, migliorando enormemente l’efficienza degli stabilimenti. 

ProGlove Palm Trigger.jpg

Mark di ProGlove: ecco come è stato reinventato il lettore di codici a barre 

I barcode scanner sono stati tipicamente concepiti come dispositivi industriali che devono resistere a qualsiasi condizione, alle intemperie e alle inevitabili cadute. Sono quindi spessi, robusti, pesanti e di conseguenza poco maneggevoli. Muoverli, allinearli e riporli al loro posto comporta fatica per chi li maneggia. Proprio vedendo come funzionava un impianto il team di ProGlove ha avuto l’idea di ridurre peso e dimensioni di questi oggetti. Il risultato è Mark, un lettore di codici minuscolo e dal peso di soli 40 grammi, che può essere portato in tasca o, tramite una serie di accessori, collegato alla cintura o inserito in un comodo guanto, così da averlo sempre pronto all’uso.

ProGlove Reel attached to belt.

Il risultato? Gli operai si stancano meno, lavorano in condizioni migliori e sono sensibilmente più produttivi. Quanto? Parecchio, a quanto ci spiega Luciano Magiar, Country Manager per l’Italia di ProGlove. Nel settore automotive, dove ProGlove può vantare clienti come Seat, BMW, Volkswagen, si arrivano a risparmiare 4 secondi a scansione. Considerando che ogni automobile in catena di montaggio richiede mediamente un migliaio di scansioni, il risparmio di tempo (e denaro) è evidente. Con un vantaggio da non sottovalutare: l’operatore ha le mani libere, riducendo il rischio di infortuni. 


La produzione non è l’unico settore che può trarre benefici da questo approccio: Intersport lo ha integrato nelle sue stazioni di noleggio sci, aumentando del 20/25% il numero di clienti serviti. Il risparmio di tempo stimato è di circa 3,5 ore al giorno

Come facilmente immaginabile, anche la logistica può trarre enorme vantaggio e, grazie ad alcune funzioni avanzate del dispositivo, ottimizzare il sistema di gestione dei prodotti. Oltre a scansionare i barcode, infatti, il piccolo Mark può dare alcune indicazioni sotto forma di segnali luminosi, utilizzati ad esempio per evidenziare i pacchi con priorità. 

L’IoT fatto bene

Oltre a scansionare codici a barre, ProGlove acquisisce dati. Dati su come si muovono le persone all’interno dei magazzini, sui tempi necessari a ogni operazione: informazioni preziose che possono servire a rendere i luoghi di lavoro più ergonomici, sicuri ed efficienti, limitando gli spostamenti delle persone e consentendo di sfruttare al meglio ogni area. 

ProGlove-Luciano_Magiar_ENG

Porsi qualche domanda relativa alla privacy è inevitabile e ci sorge il dubbio che alcuni lavoratori potrebbero essere scettici, temere di essere tenuti costantemente sotto controllo. “Le nostre soluzioni sono compatibili col GPDR” – ci spiega Luciano, aggiungendo che – “In molti casi sono i dipendenti stesso a contenderselo, a fare a gara per chi doveva usarli. Alcune aziende per soddisfarli ne hanno ordinati altri così da fornirne uno a ciascun dipendente“. 

Effettivamente, se un dispositivo effettivamente permette di svolgere il proprio lavoro meglio e più comodamente, non si vedono motivi per non desiderarlo. 



Fonte: https://feeds.hwupgrade.it

Rate this post
Updated: 12 Novembre 2019 — 18:41
Siti Web > Notizie di Marketing e comunicazione © 2018 Realizzazione, creazione, sviluppo, progettazione siti web-internet