Siti Web > Notizie di Marketing e comunicazione

Consulta le nostre news di tecnologia ed informatica online !

Tesla disabilita Autopilot su Model S usata: ‘Non aveva pagato per la feature’


Tesla ha disabilitato a distanza le funzioni di assistenza alla guida di una Tesla Model S dopo che stata venduta a un nuovo proprietario. La compagnia sostiene che la feature “non sia stata pagata” e quindi non pu essere usata su quel veicolo. Peccato per che prima di passare al nuovo acquirente l’Autopilot c’era. Si tratta di un caso che non ha molti precedenti, la cui soluzione potrebbe non essere cos scontata.

La notizia stata riportata da Jalopnik, che cita il nuovo proprietario con il nome di Alec. L’acquisto stato effettuato lo scorso dicembre, attraverso un rivenditore che aveva ottenuto l’auto un mese prima da un’inserzione realizzata dalla stessa Tesla. La vettura veniva venduta con le funzioni “Enhanced Autopilot” e “Full Self Driving Mode” abilitate, tuttavia al ritiro dell’automobile Alec ha scoperto che le due funzioni non erano sfruttabili.

Le feature erano abilitate quando il rivenditore ha venduto l’automobile al nuovo acquirente, e naturalmente il rivenditore ha promosso il veicolo indicando la presenza della modalit Autopilot. La situazione solleva domande del tutto nuove e di difficili risoluzione, soprattutto per quanto riguarda la capacit di Tesla di poter intervenire in maniera pesante da remoto sulle funzionalit e le caratteristiche tecniche di ogni singola automobile venduta.

Tesla pu intervenire da remoto sul software abilitando nuove funzionalit in veicoli specifici, e quindi pu farlo anche per eliminarle. In base alle politiche attuali dell’azienda le auto Tesla vendute con aggiornamenti hardware eseguiti durante la sua vita, come ad esempio l’installazione del cruise control adattivo, modifiche al sistema di propulsione e altro, mantengono le feature ottenute dopo l’acquisto anche in caso di rivendita.

Non cos per quanto riguarda le modifiche di natura solo software, che le auto possono effettivamente perdere in alcune circostanze ben precise. Alec ha scoperto questa piccola clausola a sue spese contattando il servizio d’assistenza Tesla. Ecco la risposta ricevuta:

“Tesla ha recentemente identificato casi in cui i clienti hanno ricevuto in modo errato la modalit Autopilot anche se non avevano pagato per la funzione. Da allora stato effettuato un controllo per risolvere queste istanze. Il tuo veicolo uno dei veicoli che avevano ricevuto erroneamente il pilota automatico. Abbiamo controllato la cronologia degli acquisti e purtroppo la guida autonoma non era una caratteristica che avevi acquistato. Ci scusiamo per la confusione. Se sei ancora interessato ad avere le funzionalit aggiuntive, possiamo iniziare il processo per acquistare l’aggiornamento”.

Processo che per avrebbe un costo di circa 8000 dollari, e per cui Alec ha gi pagato in fase di acquisto nella valutazione dell’auto usata. Con un’auto “normale” questo non potrebbe succedere, visto che la stragrande maggioranza delle modifiche applicabili richiede la presenza di un tecnico, un meccanico, o comunque un intervento “fisico”.




La situazione di Alec solleva diverse questioni su come la gestione degli aggiornamento over-the-air di Tesla possa essere utilizzata per effettuare vere e proprie truffe ai danni dei nuovi acquirenti, soprattutto considerando che non la prima volta che si parla di ansie legate alla capacit di Tesla di poter intervenire in maniera cos massiccia da remoto sui propri veicoli.



Fonte: https://feeds.hwupgrade.it

Rate this post
Updated: 7 Febbraio 2020 — 19:40
Siti Web > Notizie di Marketing e comunicazione © 2018 Realizzazione, creazione, sviluppo, progettazione siti web-internet