Siti Web > Notizie di Marketing e comunicazione

Consulta le nostre news di tecnologia ed informatica online !

TikTok è un’app “parassitaria”, il duro attacco del CEO di Reddit


TikTok è tra i social network più in voga del momento,
specie tra i giovanissimi, ed è l’app più scaricata di questo inizio di 2020 sui
principali store mobile. Sviluppata dalla cinese ByteDance, l’app è stata più volte
accusata di spiare i propri utenti, tanto da finire anche nel mirino del Garante
della Privacy italiano.

Alla schiera di chi solleva dubbi sull’uso dei dati
personali da parte di TikTok si è aggiunto nelle scorse ore Steve Huffman, il
CEO e cofondatore della comunità online Reddit. Huffman ha usato parole dure
parlando dell’app durante un evento mercoledì, definendola “parassitaria“.

“Guardo a quell’app come fondamentalmente parassitaria,
sempre in ascolto, usano una tecnologia di tracciamento davvero terrificante e
non sono riuscito a installare un’app simile sul mio telefono. Dico alle persone
di non installarla sul proprio smartphone“, ha affermato Huffman.


Steve Huffman, cofondatore e CEO di Reddit

Huffman critica in particolare il modo in cui TikTok tiene
traccia delle azioni dei suoi utenti, ossia una combinazione di audio e
navigazione che determina quali utenti stanno guardando e condividendo un video
sia sull’app che sul web, come spiegato dal ricercatore
Matthias Eberl su
Rufposten
.
Secondo ByteDance le tecniche di tracciamento (dette “fingerprinting”) sono
usate semplicemente per identificare comportamenti di navigazione scorretti.

Huffman non è l’unico dirigente tecnologico ad aver
sollevato preoccupazioni su TikTok finora
. La direttrice operativa di Facebook
(di cui in merito alla privacy dei dati è necessario ricordare la questione
Cambridge Analytica…) Sheryl Sandberg ha fatto simili commenti sulla sicurezza,
sottolineando che “è un’azienda cinese, se le persone sono preoccupate dei
propri dati penso che ci siano molti motivi per farlo”.

Un portavoce di TikTok ha commentato le parole di Huffman
affermando che si tratta di “accuse senza fondamento fatte senza un briciolo di
prove
“.

La questione può ovviamente essere affrontata sotto molteplici punti di vista: da una parte qualcuno potrebbe concordare con Huffman vista
l’origine cinese dall’app, dall’altra i precedenti del “mondo occidentale” fanno
pensare che nel mondo dei social “il più pulito ha la rogna”. D’altronde le
aziende che operano nel settore guadagnano grazie alle informazioni fornite
degli utenti.

C’è ovviamente chi lo fa in modo più aggressivo di altre,
e in questo discorso un po’ di responsabilità va data agli stessi utenti: usando
i “nuovi mezzi di
comunicazione” gratuitamente si accetta implicitamente di perdere una parte di controllo sulle
proprie informazioni.



Fonte: https://feeds.hwupgrade.it

Rate this post
Updated: 28 Febbraio 2020 — 20:23
Siti Web > Notizie di Marketing e comunicazione © 2018 Realizzazione, creazione, sviluppo, progettazione siti web-internet