Siti Web > Notizie di Marketing e comunicazione

Consulta le nostre news di tecnologia ed informatica online !

Windows 7 è ancora usatissimo presso grosse associazioni e aziende. Ecco tutti i numeri


Microsoft ha terminato il supporto regolare per Windows 7 una settimana fa, tuttavia secondo un nuovo studio di BitSight l’adozione da parte delle grosse aziende rimane ancora “quasi universale”. Il termine del supporto, che indica che il sistema operativo non riceverà più nessun tipo di aggiornamento ufficiale se non pagando, è avvenuto lo scorso 14 Gennaio e nonostante ciò il suo uso viene fatto all’interno di circa 60 mila organizzazioni.

Il report non fa altro che confermare, dati alla mano, quanto si sospettava da tempo: parecchie aziende di grosso calibro non sono ancora migrate a Windows 10. Circa il 90% delle organizzazioni con almeno 100 mila impiegati utilizzano ancora oggi Windows 7 su almeno un sistema; mentre per quanto riguarda le aziende con meno di mille impiegati il tasso di adozione si abbassa al 61%, rimanendo comunque abbastanza elevato.

Mancanza di solerzia nei confronti dell’innovazione? Mancanza di reali vantaggi ad usare i più moderni sistemi operativi? Le colpe degli “admin” possono essere tante, tuttavia su un parco macchine di grandi dimensioni può non essere semplice passare a una piattaforma con nuove regole di compatibilità. La scala delle operazioni svolte e l’uso di processi legati a tecnologie “legacy” rendono inoltre spesso impossibile il cambiamento dall’oggi al domani.

Le statistiche indicano che la maggior parte delle aziende più grandi al mondo hanno ritardato la migrazione da Windows 7, tuttavia indicare i motivi non è semplice perché potrebbero variare molto. Alcune aziende potrebbero trovare difficile il passaggio a una piattaforma più recente per via di problemi di natura tecnica (app e dispositivi usati, talvolta molto costosi, possono non essere compatibili con Windows 10 o altri sistemi operativi), altri per via di mancata capacità di pianificazione, o di costi non giustificabili.

L’uso di Windows 7 rimane altissimo nei settori governativi ed educativi: in quest’ultimo caso l’84% delle organizzazioni citate nello studio hanno almeno un sistema con Windows 7; percentuale che scende all’82% per le autorità governative. Per quanto invece riguarda la “dipendenza” da Windows 7, quindi il tasso di adozione di sistemi con Windows 7 in relazione a tutti i sistemi usati, uno dei settori più “a rischio” è quello medico.

Secondo il report il 45% delle organizzazioni mediche con più di 10 mila impiegati usano Windows 7 su più del 25% del totale dei dispositivi. Non è messo bene neanche il settore finanziario, con la percentuale che sale addirittura al 46% delle organizzazioni.

Se da una parte questi numeri preoccupano, dall’altra lo studio indica che le organizzazioni sono consapevoli della necessità di migrare a nuove piattaforme. Sebbene molte aziende utilizzino Windows 7, i numeri legati alla “dipendenza” dal vecchio sistema operativo fanno ben sperare. Windows 7 rimane comunque indispensabile per parecchie aziende all’interno di sistemi usati per attività necessarie, la cui opera impedisce di avere un percorso diretto per effettuare senza danni la migrazione a Windows 10.



Fonte: https://feeds.hwupgrade.it

Rate this post
Updated: 22 Gennaio 2020 — 12:51
Siti Web > Notizie di Marketing e comunicazione © 2018 Realizzazione, creazione, sviluppo, progettazione siti web-internet