Siti Web > Notizie di Marketing e comunicazione

Consulta le nostre news di tecnologia ed informatica online !

WordPress, nuovi strumenti per monetizzare i contenuti dei siti web


WordPress.com

Su WordPress.com sono in arrivo nuove funzionalità con cui publisher, creator e owner potranno monetizzare i contenuti dei siti web attraverso contributi e subscription da parte degli utenti.

La nuova funzione dei Recurring Payments, i pagamenti ricorrenti, per siti WordPress.com e basati su Jetpack, offre infatti uno strumento di monetizzazione dedicato ai creatori di contenuti che desiderano raccogliere contributi periodici dai loro sostenitori.

Il nuovo strumento è disponibile con qualsiasi piano a pagamento su WordPress.com e permette ai follower di supportare un sito con pagamenti periodici e programmati. Il site owner può accettare pagamenti per la newsletter settimanale, per donazioni mensili o per un accesso annuale a contenuti esclusivi ed è possibile gestire il tutto con un sistema di pagamento automatizzato.

WordPress.comI Recurring Payments di WordPress.com abilitano i creatori di contenuti ad accettare pagamenti dai visitatori direttamente sul sito.

Gli abbonati potranno annullare in qualsiasi momento la subscription, dal proprio account WordPress.com.

I site owner potranno offrire abbonamenti periodici, membership per i siti, donazioni mensili e altro ancora. È inoltre prevista l’integrazione del sito con Stripe per processare i pagamenti.

Difatti, WordPress.com ha collaborato con Stripe per lanciare questa nuova funzionalità. Stripe è una delle maggiori piattaforme per l’elaborazione e la gestione dei pagamenti su Internet ed è necessario disporre di un account Stripe per utilizzare i Recurring Payments.

I Recurring Payments, ha informato l’azienda, sono disponibili su tutti i piani a pagamento, sia per WordPress.com che per i siti connessi a Jetpack.

I site owner pagheranno una percentuale delle revenue generate dal sito tramite i Recurring Payments, percentuale che varia in base al piano attivo. In aggiunta a questo, c’è da considerare anche il fee applicato da Stripe.

WordPress.comSu WordPress.com sono disponibili maggiori informazioni su come accettare pagamenti sul proprio sito.





Fonte: https://www.01net.it/

Rate this post
Updated: 27 Novembre 2019 — 8:19
Siti Web > Notizie di Marketing e comunicazione © 2018 Realizzazione, creazione, sviluppo, progettazione siti web-internet