Siti Web > Notizie di Marketing e comunicazione

Consulta le nostre news di tecnologia ed informatica online !

ZEISS Photography Award 2020: il vincitore è KyeongJun Yang


ZEISS Photography Award 2020 ha ora il suo vincitore: si tratta del sud coreano KyeongJun Yang. Il concorso fotografico arrivato cos alla fine della sua quinta edizione grazie anche alla collaborazione con la World Photography Organisation.

Il progetto del vincitore di quest’anno al ZEISS Photography Award 2020

Allo ZEISS Photography Award 2020, Yang ha portato la sua serie di scatti dal titolo Metamorphosis (Metamorfosi) che si concentra sulle esperienze degli immigrati negli Stati Uniti. Ma il fotografo sud coreano non stato l’unico a essere premiato, con lui anche altri nove fotografi hanno ricevuto un riconoscimento.

ZEISS Photography Award 2020

La tematica trattata dagli ZEISS Photography Award 2020 era quella dal titolo “Seeing Beyond – Discoveries”. Molte erano le possibilit offerte agli utenti per l’interpretazione della tematica ma Yang ha preferito concentrarsi sui ritratti a Julie Chen, una ragazza cinese che si trasferita negli USA dopo la separazione dei suoi genitori quando aveva 12 anni.

Nel progetto Metamorfosi, si fondono le fotografie di Yang e le parole di Chen che descrivono le sue esperienze, sensazioni e la solitudine. Yang si ritrova in queste sensazioni, lontano dalla sua terra natia, mentre conclude il suo ultimo anno all’Universit del Texas dove sta studiano giornalismo. Ricordiamo il fotografo ricever 12 mila euro in obiettivi ZEISS e 3000 euro per il suo prossimo progetto fotografico.

Gli altri fotografi premiati

  • Alena Zhandarova (Russia) con Hidden Motherhood che mettono in luce il rapporto delle madri nella societ. La fotografa ha parlato con diverse persone e scattato fotografie anche a sue dirette conoscenze per mettere in risalto il ruolo di madre nell’era moderna tra contraddizioni e tab.
  • Alexey Vasilyev (Russia) con Sakhawood. In questo caso il progetto verteva sull’industria cinematografica della Yakutia dove ogni anno vengono realizzati da 7 a 10 film. Si tratta di opere a basso costo che si basano anche su leggende e racconti locali.
  • Jorritt T. Hoen (Paesi Bassi) con Parallel Universe. Pensando ai grandi esploratori ma questa volta puntando sugli acquari e terrari nascosti nei salotti di tutto il Mondo.
  • Luisa Drr (Brasile) con The Flying Cholitas. Le foto riprendono delle wrestler donne indigene che utilizzano abiti tradizionali boliviani. Un simbolo di emancipazione femminile per molte persone.
  • Magdalena Stengel (Germania) con 100. La fotografa si concentrata sulla durata della vita degli esseri umani, sempre pi lunga. In questo caso i soggetti sono persone (uomini e donne) tra i 90 e i 100 anni.
  • Pan Wang (Cina) con Like a Father, Like a Mountain. In questa serie di fotografie, Wang racconta il viaggio nella catena montuosa del Qinling facendo riaffiorare i ricordi del padre (defunto).
  • Robin Hinsch (Germania) con Wahala. In questo caso il fotografo racconta le problematiche ambientali del delta del Niger, tra le fuoriuscite di petrolio e gli impianti per l’estrazione e il trasporto del gas naturale.
  • Stefano Sbrulli (Italia) con Tajo. Il fotografo italiano racconta la devastazione nella zona del cratere di El Tojo in Per con la comunit locale che stata privata di parte del territorio.
  • Tadas Kazakevicius (Lituania) con Between Two Shores. In queste immagini si vedono sia le persone che popolano la zona della Penisola di Neringa sia i paesaggi della Laguna dei Curi, zona ricca di storia locale e mitologia.



Fonte: https://feeds.hwupgrade.it

Rate this post
Updated: 5 Aprile 2020 — 15:29
Siti Web > Notizie di Marketing e comunicazione © 2018 Realizzazione, creazione, sviluppo, progettazione siti web-internet